Vai in fondo alla pagina Vai in cima alla pagina

Vaccini e bufale

I vaccini sono state una delle più grandi invenzioni della medicina ed hanno salvato (e salvano) milioni di vite umane in tutto il mondo (l'unica malattia mai eradicata dal pianeta è il vaiolo, anche grazie ai vaccini). Nonostante i progressi alcune malattie infettive molto pericolose, sono ancora epidemiche in alcune zone della Terra. Gli sforzi delle associazioni umanitarie sono rivolti proprio agli abitanti di queste zone perché, non avendo i nostri mezzi economici ed organizzativi, sono spesso vittime (i bambini, soprattutto) di gravi malattie prevenibili.
Nel nostro paese la percentuale di vaccinazione è alta e consente una buona copertura nei confronti delle malattie infettive prevenibili ma proprio per questo non bisogna mai abbassare la guardia, non bisogna mai dimenticare che fino a pochi anni fa, tra i banchi delle nostre scuole, sedevano tanti bambini colpiti dalla poliomielite (e quei bambini sono oggi degli adulti) e tanti altri sono morti per le sequele di malattie "banali" come il morbillo. In caso di gravidanza poi, la rosolia, in genere malattia a decorso benigno, provoca gravissime malformazioni fetali (oggi quasi scomparse grazie proprio alle vaccinazioni!). Per vari motivi però, a volte ideologici, altre volte legati ad interessi economici personali, esistono associazioni estremiste o singoli individui che diffondono allarmi e terrorismo a proposito dei vaccini e non si fanno scrupoli nel divulgare notizie false e manipolate, spesso aggressivamente e questo lo fanno non per un innato amore per i nostri bambini ma per un chiaro interesse economico personale (gli antivaccinisti hanno tutti una cura truffa per l'autismo o un conflitto di interessi evidente, come alcuni avvocati che si occupano di cause giudiziarie legate ai vaccini).
Per questo motivo è utile un'informazione corretta scientificamente e moralmente.
In questo blog si è parlato diverse volte di vaccini e delle numerose bufale che si leggono su internet a proposito di questi preziosi farmaci. Per la salute dei nostri figli e della comunità, è necessario non fidarsi di "esperti" improvvisati, di sedicenti "ricercatori" o di persone che speculano sull'argomento, ogni dubbio, problema o richiesta di chiarimenti deve essere posto al medico che è l'unica persona capace di decidere correttamente per la nostra salute.
Questa pagina indica i link agli articoli che possono interessare sull'argomento. Gli articoli sono molto lunghi perché nati come post singoli e da leggere con calma, conviene quindi prendersi un po' di tempo o leggerli in diverse occasioni, serve un po' di impegno anche se ho cercato di scriverli in maniera immediatamente comprensibile:


Vaccini:

Vaccini: cosa sono e come funzionano
Cosa hanno ottenuto i vaccini
Come sarebbe il mondo senza vaccini
Vaccini: sono pericolosi?

Vaccini ed autismo

Una campagna terroristica di gruppi antivaccinisti (che hanno come interesse principale quello economico) vorrebbe che la vaccinazione MPR (morbillo, parotite, rosolia), causasse l'autismo. Ciò è stato dimostrato come falso.
Il medico che iniziò a diffondere l'ipotesi, fu pagato da un avvocato che si occupava di risarcimenti per danni da vaccino. In seguito alle indagini si scoprì che questa persona (Andrew Wakefield) aveva falsificato tutti i dati per fornire all'avvocato qualcosa su cui appoggiare le sue richieste di denaro. Per questo motivo Wakefield fu radiato dall'ordine dei medici ed in seguito è diventato simbolo della cattiva ricerca scientifica. Di seguito alcuni articoli che analizzano il presunto nesso tra vaccinazione ed autismo e che raccontano la storia di Wakefield.


Altri particolari sulla vicenda Wakefield: qui, qui, e sulla sua radiazione.
Alcuni dei tanti studi scientifici che smentiscono la correlazione tra vaccini ed autismo: questo, questo e questo. In uno studio recente è stata dimostrata anche la mancanza di rischio di autismo legata al numero di vaccinazioni effettuate in età pediatrica. Di studi che mostrano come i vaccini siano sicuri ne esistono tantissimi, l'AAP (associazione americana dei pediatri) ne ha raccolti più di 40 come esempio, qui e qui una lista di 75 studi che analizzano il nesso vaccini autismo, smentendolo. Un'ulteriore, recente metanalisi (analisi dei precedenti dati sull'argomento) con un campione di più di 1.000.000 di bambini, smentisce nuovamente questo presunto nesso.
Un articolo che ripercorre i passi del falso collegamento tra vaccini ed autismo: qui.

In Giappone il vaccino trivalente MPR (MMR in inglese) è stato eliminato proprio a causa delle voci allarmanti che circolavano sul suo conto. Nonostante questo i casi di autismo aumentarono come previsto statisticamente (l'aumento è dovuto soprattutto all'affinamento delle diagnosi). Ecco un grafico che mostra l'aumento dei casi di autismo paragonati alla diminuzione delle vaccinazioni infantili:

Dimunuiscono le vaccinazioni (in giallo), aumentano i casi di autismo, in Giappone
Il vaccino è un farmaco e come qualsiasi sostanza esistente al mondo, può avere effetti collaterali. Il fatto che sia una delle poche sostanze somministrate a miliardi di individui diversi e di tutte le età, in tutto il mondo, ne fa probabilmente il farmaco più testato e provato al mondo. I suoi rischi sono infinitamente inferiori ai suoi benefici e nella stragrande maggioranza dei casi sono di minima gravità. Non vaccinarsi non solo espone chi lo fa al pericolo di malattia ma espone anche la sua comunità visto che è proprio la vaccinazione comune che protegge un gruppo dalle malattie infettive (più individui sono "scoperti" più la malattia rischia di ricomparire). Anche malattie considerate "banali" come il morbillo o la rosolia, possono causare gravi danni ed anche malattie che consideriamo "scomparse" (come la poliomielite) in realtà distano da noi poche ore di volo ed in un'epoca di globalizzazione e facilità di spostamenti, la possibilità di diffusione di un virus o un batterio sono molto elevate.
Vaccinarsi è un diritto per tutti ed un dovere per vivere in una società civile e sana.

Sui vaccini antinfluenzali:

H1N1
domande comuni

Vaccinati e non vaccinati:

Sono molti gli studi che paragonano lo stato di salute dei bambini vaccinati con i non vaccinati, non tantissimi perché la percentuale di non vaccinati è molto bassa, ma quelli che ci sono mostrano come i bambini vaccinati hanno uno stato di salute migliore dei non vaccinati. Non vi è alcuna differenza di incidenza di autismo tra le due classi e nemmeno per malattie come le bronchiti, allergie, influenza, malattie gastrointestinali, malattie cardiache, epilessia, ADHD, i bambini vaccinati inoltre, sono più protetti rispetto alle allergie.
Qui uno studio che controlla l'incidenza di autismo tra le due classi di bambini.
Qui un altro che controlla l'incidenza di altre malattie.

==

Alcuni siti di buona informazione sui vaccini, utili per rispondere ai dubbi più comuni:

Perché Vaccino
Le vaccinazioni in sanità pubblica
Le vaccinazioni
VaccinarSì 
Vaccinfo
 
Powered By Blogger