Link veloci

giovedì 9 febbraio 2017

I vaccini inquinati? Un'esperta dice di no.

Ragazzi, io non riesco più a scrivere un articolo a settimana ma quando mi ci metto vi impegno per due settimane di lettura, quindi non vi lamentate. :)

Oggi parliamo di una bella notizia. Un'esperta infatti ci fa tirare un sospiro di sollievo, vedremo come ma quando le cronache sono piene di allarmi inutili e terroristici, ogni tanto una bella notizia ci vuole. Gli antivaccinisti non perdono occasione per trovare un motivo per definire "tossici" o "pericolosi" i vaccini. Ci vuole coraggio ma ci provano.

In effetti serve uno sforzo notevole per smentire l'utilità e l'efficacia di una delle più importanti e geniali scoperte dell'uomo ma gli antivaccinisti, si sa, non temono nulla e vanno persino contro il buon senso e la logica. I vaccini sono farmaci somministrati da decenni a milioni di individui. Grazie a loro abbiamo evitato, soprattutto ai bambini ma non solo, malattie, dolore, sofferenze e morte.

Siamo riusciti a debellare il vaiolo, a controllare (quasi cancellandola) la poliomielite e a quasi annullare molte malattie infettive. La loro sicurezza non è provata solo da studi e ricerche ma anche dall'osservazione: siamo sempre più sani e viviamo sempre più a lungo, un risultato pessimo se i vaccini fossero un danno per l'umanità ma eccezionale, visto che a noi interessa il benessere della stessa. Quello che invece interessa la lobby antivaccino è ottenere consensi, attirare iscritti ai loro gruppi, donazioni, soldi ed un modo immediato per farlo è "demolire" in qualsiasi modo i vaccini. Iniziando con l'insinuazione di dubbi, finendo con vere e proprie menzogne, d'altronde la teoria che voleva i vaccini collegati all'autismo si sviluppò proprio perché un ex medico diffuse una falsa ricerca piena di dati inventati.

Nei vaccini si trova di tutto!

Nel tempo abbiamo assistito quindi ad esempi di falsi studi, terrorismo, manipolazione dei dati, sono tutte fasi che l'antivaccinista deve superare, in qualche modo deve trovare un pericolo nei vaccini, qualcosa che li renda pericolosi, terribili minacciosi per tutti. Ma non ci riesce mai, anzi, a volte, come vedremo, dimostra proprio il contrario. È proprio questo che rende l'antivaccinismo un movimento ideologico, falso già dalle fondamenta. I suoi rappresentanti non hanno mai saputo portare un solo argomento valido, una sola prova reale che possa far ridiscutere l'importanza di uno o più vaccini ed è per questo che, da sempre, questa lobby è considerata antiscientifica cosa che, viste le mire (economiche) degli antivaccinisti, non stupisce.
Ricordate i tempi del "mercurio nei vaccini"?
Il mercurio nei vaccini non c'è mai stato, esisteva un suo derivato, non pericoloso, poi rimosso per sicurezza. Passata la moda del mercurio (che sarebbe stata causa di qualsiasi malattia esistente), si volta pagina e passano ad altro, come se niente fosse.

Una delle ultime mode dell'attivista che ce l'ha con i vaccini è quella di inserire, tra gli ingredienti dei vaccini, le cose più assurde e raccapriccianti. Che possono essere raccapriccianti solo se siamo ignoranti sul tema. Da medico, vi assicuro, potrei rendere molto raccapricciante qualsiasi cosa, persino il parto, l'evento più fisiologico che possa vivere un essere umano. Ma non lo faccio perché quando si trasforma in raccapricciante qualcosa di "normale", è ovvio che vi è uno scopo diverso dall'informazione.
Dovete sapere che, per poter coltivare i virus (o i batteri) necessari alla preparazione di un vaccino, bisogna ovviamente (i virus si riproducono all'interno delle cellule viventi) disporre di cellule viventi ed in esse fare proliferare il virus che causa una malattia per la quale cerchiamo il vaccino. I laboratori che preparano questi vaccini acquistano le cellule viventi necessarie da industrie specializzate proprio nelle forniture ai laboratori (dagli strumenti ai reagenti) e per questo dispongono per esempio di cellule tumorali per fare studi su di esse (che derivano quasi sempre dalle cellule di Henrietta Lacks e per questo si chiamano "cellule He-La") e di cellule umane o animali per lo stesso motivo. Quando si tratta di vaccini possono essere utilizzate cellule umane o a volte cellule di primati (scimmie, soprattutto). Quando si usano cellule umane, tra le più utilizzate, ci sono quelle derivanti da una singola linea cellulare, quella appartenente ad un feto donato dai suoi genitori alla ricerca perché la gravidanza si è interrotta prima del dovuto. Le sue cellule sono state fatte riprodurre a milioni ed ora i laboratori possono usarle per ricerca o preparazione di farmaci.

Così, per il fatto che la coltivazione di virus o batteri presuppone la presenza di cellule viventi, ecco che per gli antivaccinisti i vaccini contengono "feti abortiti" o "cellule di scimmia".
Ditemi sinceramente se dire che un vaccino contiene "feti abortiti" sia una cosa normale o un patetico tentativo di causare raccapriccio (e quindi rifiuto) in chi lo legge. Chi lo dice somiglia a chi dice che nel latte c'è pus o che una fetta di carne è un pezzo di cadavere. Se dicessi ad un paziente: "questa penicillina che le ha prescritto il mio collega contiene sostanze ammuffite, è pericolosa!" non starei mentendo ma sarei considerato un povero pazzo (o un furbetto).

Ma se non bastassero i feti abortiti e le scimmie, ecco che c'è qualcosa di più "sottile": i metalli pesanti. Qualcosa questi vaccini dovranno pur contenere ma il continuo tentativo dell'esercito degli antivaccino di rendere inaccettabile la vaccinazione ormai sta raggiungendo vette eccezionali. Allarme nella rete, richiesta di indagini, agitazione e tremori incontrollati. Tutti i siti di bufale, quelli complottisti e di medicina alternativa, omeopati e strani personaggi, si sono buttati a capofitto sulla notizia. Addirittura una giornalista, impegnata da tempo nella diffusione di false terapie e fantamedicina parla di "vaccini inquinati" dimostrando di non conoscere nemmeno le basi della biologia. Molto probabilmente in pochi hanno letto lo studio o avrebbero avuto la possibilità di capire come non si fa uno studio scientifico.
Ma la cultura si acquisisce e questo articolo è anche per loro.

Lo spunto per questa occasione di crescita culturale ce lo può dare uno studio uscito in queste settimane, l'autrice è Antonietta Gatti, un fisico che si definisce esperta di guerra del golfo e di malattie misteriose (?) che gestisce, nel tempo libero dal suo lavoro al CNR, un laboratorio di analisi.

La dott.ssa Gatti, autrice dello studio analizzato, esperta di malattie misteriose e Balcani (dal suo profilo Twitter), gestisce un laboratorio analisi con il marito, Stefano Montanari.

Negli anni la studiosa si è specializzata nella ricerca di "nanoparticelle" cioè di quelle particelle, piccolissime, invisibili ad occhio nudo, che si annidano attorno a noi, dovunque, esternamente ed internamente al nostro corpo. Esistono per il semplice motivo che esiste la vita, derivando non solo da noi esseri viventi e da ciò che ci circonda ma anche dalle nostre attività.
Le nanoparticelle sono chiaramente in qualsiasi posto del pianeta e la Gatti (ma è il suo lavoro, quello che la fa vivere) le cerca dovunque e, naturalmente, le trova. Così le ha trovate nel sangue, negli organi e persino nelle merendine, anche se, riflettendoci, non sembra una cosa così strana, se per fare una merendina usi un macchinario, una lama, un frullatore, è chiaro che in quella merendina, cercando, troveremo piccolissime particelle derivanti da quel macchinario, dalla lama, dal frullatore.
Accadrebbe la stessa cosa se analizzassimo una torta fatta in casa: analizzandola con un microscopio potentissimo troveremmo piccolissime (per questo si chiamano "nanoparticelle") particelle di acciaio che derivano dal coltello o altre di ferro che derivano da un altro utensile. Non è strano e non deve stupire. Oltretutto, per le quantità "normali" (quelle alle quali siamo esposti da sempre) non è mai stata dimostrata una pericolosità particolare perché è plausibile che certe sostanze possano diventare pericolose in quantità eccezionali e la logica ci dice che con queste particelle conviviamo dalla notte dei tempi.
Oggi, inoltre, rispetto ad anni passati, disponiamo di strumenti più progrediti e filtri che rendono più difficile la presenza di queste particelle con le quali dobbiamo però convivere, è impossibile eliminarle ed esistono persino in una camera sterile, in una sala operatoria o in un posto pulitissimo. Se analizzassimo il liquido prelevato da una fiala di vetro, di quelli che ci iniettiamo quando stiamo male (2-3 volte al giorno per settimane), per esempio un antibiotico, molto probabilmente troveremmo piccolissime particelle di vetro, derivanti dall'apertura della fiala e poi potremmo trovare microscopiche particelle di acciaio (derivanti dall'ago della siringa) o di silicone (derivanti dal tappo della fiala che contiene la polverina) e così via. È il fatto stesso di esistere che ci circonda di nanoparticelle.

Per capire meglio ciò che ho scritto basterebbe farsi una domanda: indicate un ambiente, una sostanza, un prodotto che non possa contenere nemmeno una nanoparticella, che possa esserne totalmente privo, è difficile, molto difficile. Persino nel vuoto più assoluto (lo spazio, per esempio), sembrano esserci "contaminazioni" (molecole di idrogeno).
In laboratorio, con particolari accorgimenti e condizioni particolari, una cosa del genere potrebbe essere ottenuta.

La scoperta dell'acqua calda.

La Gatti ha fatto quindi il passo successivo.
Dopo le merendine ha cercato le nanoparticelle nei vaccini (e perché non negli antibiotici o negli anestetici non si sa, ha scelto proprio i vaccini).
E, incredibile, le ha trovate!
Il suo microscopio ha trovato migliaia di nanoparticelle in flaconi di vaccino. Prima lo ha fatto sapere tramite internet e poi con un libro, edito da Macrolibrarsi, casa editrice specializzata in libri sui misteri, sugli UFO e sui poteri paranormali. Ma in effetti non era sufficiente e tutti le chiedevano a gran voce di pubblicare (come dovrebbe fare qualsiasi scienziato) in una rivista scientifica, non ci pensa due volte ed in effetti lo fa.
Peccato che la rivista scientifica che ha scelto è praticamente sconosciuta, non ha nemmeno un "impact factor" (fattore d'impatto, misura l'importanza di una rivista scientifica) ed il suo editore, Medcraveè noto per essere un "predatory journal", cioè un editore che accetta qualsiasi cosa, dallo studio vero a quello falso o stupido, dietro pagamento, protagonista persino di un editoriale del BMJ sulle mail indesiderate, lo spam, che arriva ai ricercatori con la richiesta di pubblicare qualcosa.
Lo studio è firmato, oltre che dalla dottoressa Gatti, da suo marito, che con lei porta avanti l'attività privata del laboratorio analisi, Stefano Montanari, simpatico e stravagante personaggio, laureato in farmacia, che si descrive come un grande scienziato di fama internazionale (da leggere la pagina nella quale elenca le esigenze per invitarlo ad un convegno).
La rivista nella quale pubblicano i coniugi è talmente sconosciuta che neanche il marito della studiosa sembra conoscerla, tanto da confonderla con un'altra dal nome simile.

Loro hanno pubblicato sull'"International Journal of Vaccine and Vaccination", rivista senza nessun impact factor, ma Montanari dice che la rivista ne ha uno di 2,32, che invece è quello del "Journal of Vaccines and Vaccination" (nota: le riviste mediche più importanti al mondo hanno impact factor di 20 ed oltre), il "suo" è tanto sconosciuto da non essere indicizzato nemmeno su PubMed (la banca dati degli studi scientifici).

Per Montanari, coautore con Gatti, la rivista ha impact factor 2,32

...che però è l'impact factor di una rivista dal nome simile

Quella che ha accettato il suo lavoro è invece sconosciuta.

Ma non facciamoci condizionare dalle pur strane apparenze, andiamo al sodo e leggiamo lo studio.

La delusione è subito cocente. I due autori elencano una serie di vaccini nei quali, con il loro microscopio, avrebbero trovato varie sostanze, spesso metalliche. Purtroppo non c'è nessuna traccia di controllo, nessuna discussione seria, in barba al metodo scientifico. Ma visto che già più di una persona ha (ben) analizzato lo studio, voglio riportarne le conclusioni riassumendole. Interessante perché questo potrebbe essere un esempio di come NON si realizza uno studio scientifico, tanto sono evidenti gli errori di metodo, di discussione e i dati costruiti per confermare le proprie ipotesi, insomma, un metodo non scientifico ma "sui generis".

Il metodo scientifico a modo mio.

La descrizione dei metodi usati per l'analisi dei flaconi è a dir poco lacunosa, detto chiaramente: non esiste.
Nonostante il metodo di analisi dovrebbe essere descritto con accuratezza proprio per permettere a chiunque di controllare l'esperimento ed eventualmente riprodurlo. Non sono spiegati i particolari dell'analisi, tutti gli strumenti utilizzati, il tipo di filtri, i motivi che giustificherebbero i palesi errori di analisi.
Una lacuna non da poco.
Colpisce subito anche la scelta della bibliografia: dilettantistica. Ci sono addirittura riferimenti sbagliati. Per esempio all'inizio del loro lavoro gli autori dicono che il vaccino trivalente (MMR) sarebbe stato sospettato di collegamento con l'autismo e mettono come riferimento uno studio (il n°4 della bibliografia) che dice proprio il contrario, non c'è nessuna evidenza di legame tra vaccino trivalente ed autismo, cosa che è scritta già nel titolo ed un altro (il n°5) che dice la stessa cosa ("è improbabile che il vaccino trivalente sia collegato ad autismo"). Lo stesso accade per l'affermazione successiva: dicono gli autori che i vaccini sembrano collegati a malattie autoimmuni e citano a loro sostegno la nota bibliografica 6 che porta ad uno studio che dice: "no change in the risk for Guillain-Barré syndrome, multiple sclerosis, type 1 diabetes, or rheumatoid arthritis...", non credo serva tradurre.
Sembra che gli autori non abbiano nemmeno letto ciò che pubblicavano (nemmeno il titolo a quanto pare) e sembra che la rivista non abbia nemmeno controllato ciò che stavano pubblicando. Tra gli esempi di superficialità mettiamoci pure questo:

(sottolineato rosso da me) "Le frecce mostrano i punti nei quali sono stati ottenuti gli spettri EDS", già...ma non ci sono le frecce.
Una figura con la didascalia che spiega come i punti in cui sono state eseguite le analisi spettrografiche siano mostrati da frecce. Ma nella figura non ci sono neanche le frecce.

Strano? Beh, le stranezze sono solo iniziate.

Gli autori hanno analizzato un flacone di vari vaccini usando il loro microscopio (microscopio elettronico a scansione ad emissione di campo con rivelatore a raggi X e spettroscopio a dispersione di energia), 44 campioni di 30 vaccini diversi provenienti da Italia e Francia, alla ricerca di contaminanti e varie particelle.
Le trovano.
Trovano delle particelle all'interno dei vari flaconi di vaccino. Ma sorge un primo dubbio.

Per escludere che in quei flaconi analizzati non siano finiti contaminanti provenienti dal laboratorio stesso, dagli strumenti utilizzati, dall'atmosfera circostante, si usa in genere un metodo "semplice" e conosciuto: il gruppo di controllo. È metodo scientifico di base.

Gli autori dello studio avrebbero per esempio potuto analizzare dei flaconi, fiale, farmaci (anche semplice acqua distillata), che, preparati allo stesso modo dei vaccini nel laboratorio per l'analisi al microscopio, non contenessero sicuramente nessuna particella. Oppure misurare la quantità di particelle rinvenute in questi e poi confrontarla in quella rinvenuta nei vaccini analizzati, così da vedere se ci fossero differenze.

Questo sempre per escludere che nei vaccini sia finita qualcosa di proveniente dal laboratorio o dalla preparazione, così da poter sostenere che quelle contenute nei vaccini siano "anomale", per poter sostenere, come fanno gli autori: normalmente non ci sono contaminanti, in quei flaconi di vaccino sì.
Questo gli autori non lo fanno e già l'esperimento è falsato.

Se infatti le nanoparticelle le trovassimo sia in una fiala di "controllo" che in quei vaccini, potremmo concludere che si tratterebbe probabilmente di un reperto non anomalo, che le "impurità" per esempio potrebbero essere normali, inevitabili o provenienti dal metodo di preparazione o dall'ambiente e che la presenza di quelle particelle non sarebbe significativa, quindi avremmo dimostrato la sicurezza e la purezza dei vaccini analizzati.
Se le "nanoparticelle" fossero dovunque (come sappiamo) e le trovassimo anche nei vaccini e nella maggior parte delle cose che analizziamo, evidentemente i vaccini non sono diversi da tutto ciò che ci circonda.
Ma questo non è il solo errore di metodo, si noterà ad esempio che tra i vaccini analizzati ce ne sono alcuni vecchissimi, anche del 2004, questo è chiaramente scorretto, visto che alcuni vaccini, dopo tanti anni, possono aver subìto variazioni della composizione e gli stessi flaconi, esposti all'ambiente, potrebbero aver rilasciato sostanze estranee che normalmente non ci sono, sono stati addirittura inclusi anche vaccini già scaduti da oltre 10 anni (e nella peggiore delle ipotesi quei vaccini non erano scaduti al momento dell'analisi e quindi l'analisi è stata fatta in tempi diversi a distanza di anni, una procedura a dir poco fantasiosa). Non c'è differenza tra un'azienda e l'altra o tra un anno di produzione e l'altro.
In pratica sono stati analizzati prodotti a caso, senza avere nemmeno cura di uniformarli e di uniformarne l'analisi, almeno un minimo. Non c'è neanche traccia di un'analisi statistica.

Tra i vaccini analizzati, alcuni vecchissimi, alcuni anche scaduti.
Problemi di metodo (gravi) a parte, in questo studio possiamo notare anche alcuni gravissimi errori nelle conclusioni.
Ad esempio nella prima figura, questa:


È una goccia di Gardasil, il vaccino anti-HPV. la Gatti dice di aver trovato (il grafico a destra mostra la spettrografia del campione) varie sostanze, per esempio cloro e sodio (i più rappresentati) e sali di alluminio (alluminio fosfato, AlPO4)
E cosa contiene normalmente una fiala di vaccino?
Esattamente cloruro di sodio (la soluzione fisiologica, quella che diluisce il farmaco contiene proprio cloruro di sodio) e sali di alluminio (è l'adiuvante, quello che aumenta la risposta anticorpale, è tra gli ingredienti).
Che strano...
L'esperimento è avvenuto in "low vacuum", cioè con un basso vuoto atmosferico, la goccia di vaccino ha lasciato i residui: cloruro di sodio e alluminio, come è normale che sia.
Certo che come prima scoperta non è così eccezionale, in pratica il vaccino contiene quello che dice di contenere. Però poi il duo di autori si esibisce in una perla maestosa. Visualizza un'immagine al microscopio e, senza avere elementi per farlo ma solo in base all'osservazione, conclude che si tratterebbe di "globuli rossi", ecco dove:

Un'area della goccia di un vaccino: per gli autori quelli indicati dalle frecce rosse sarebbero globuli rossi perché ne avrebbero "la morfologia".

Che si giunga alla conclusione (in uno studio, non in una discussione al bar) che esista una contaminazione di globuli rossi così arbitrariamente, solo in base all'osservazione di un'immagine così poco chiara è curioso, diciamo "avventato" (tra parentesi è questo l'aspetto di globuli rossi al microscopio elettronico con osservazione in vuoto atmosferico). Io potrei sostenere, ad esempio, che l'immagine riprende un microscopico ittiosauro (un animale preistorico acquatico), del quale qui possiamo vedere le vertebre fossilizzate.


Senza considerare che, nella stessa immagine, c'è un "artefatto" (un'aggiunta, un errore nell'immagine) che non aiuta certo nella chiarezza.

Artefatto, evidenziato con un cerchio rosso un rettangolo aggiunto o comparso per la manipolazione dell'immagine.

Andiamo avanti, che è meglio.

I "pezzi di metallo" (cit.)

Se il metodo e le valutazioni sono fatte con i piedi, proviamo a limitarci almeno ai risultati di queste analisi.
Gli stessi controlli sono fatti in tutti gli altri vaccini considerati ed in tutti gli autori trovano "nanoparticelle" ed agglomerati di varie sostanze. Leggendole sembra una cosa assurda: alluminio, tungsteno, oro ed altro, tutto in "precipitati", che è ciò che si trova quando una soluzione evapora (e quindi scompare la sua parte liquida) ed i precipitati visti in ogni flacone variano da 1 a 1821. Tanti! Non per niente Montanari parla di "pezzi di metallo" (pezzi!).

Se non fosse che gli autori li hanno trovati in 20 μl (microlitri: 0,00002 litri) di vaccino, per una concentrazione di 0.15 femtomolari (fM).

Si tratta di una concentrazione infinitesimale, piccolissima. Per capirci, se partissimo da una mole, la scala di misura è:

mole
millimole
micromole
nanomole
picomole
femtomole
attomole

Ognuna 1000 volte più piccola della precedente. E questa è la concentrazione maggiore rilevata!

Riuscite ad immaginarla? No, vero? Ovvio, parliamo di un miliardesimo di milionesimo (10-15) di mole. Una cellula uovo umana è grande 1µg (un microgrammo), una molecola di penicillina misura circa 1 femtogrammo. Il DNA umano misura 2 nm (nanometri)!
Stiamo discutendo quindi del nulla, di dosi omeopatiche.

Nel campione di Cervarix (sempre vaccino anti-HPV) sono state trovate 1569 particelle di idrossido di alluminio che rappresentano 0.000000000001 ng (nanogrammi) di alluminio in una fiala intera di vaccino (!). Il nulla.
Sapete quanto alluminio assumiamo mangiando un piatto di pasta? 6 milligrammi. Per l'EFSA il limite di sicurezza per l'alluminio è di 1 mg/kG per settimana.
Sapete qual è il limite per l'alluminio stabilito dall'OMS? 60 milligrammi (al giorno!)  Sapete qual è il limite di sicurezza giornaliero per i metalli pesanti nei farmaci stabilito dall'EMA (agenzia europea dei farmaci)? 10 μg (microgrammi, si scrive anche mcg, un microgrammo è un millesimo di milligrammo.10 microgrammi equivalgono a 10000 nanogrammi). Per via parenterale (quindi iniettati, non negli alimenti). Stiamo parlando, ovviamente, di misure infinitesimali, percepibili solo dagli strumenti adatti allo scopo.
Ripeto, in uno dei campioni analizzati, in un'intera fiala, sono stati trovati 0,000000000001 nanogrammi di alluminio, il limite considerato sicuro dall'EMA per l'alluminio nei farmaci è di 1000 nanogrammi.
Siamo assolutamente, pienamente, abbondantemente nella soglia di sicurezza.

Scala delle unità di misura dei solidi

È talmente sconvolgente (per un profano, per una persona normale) scoprire che in un liquido vi siano delle sostanze in quantità così piccole?
E per una persona che si dice esperta di analisi, come si definisce la Gatti, questo dato avrebbe un significato particolare?
Non lo dovrebbe avere. E cosa dire di uno studioso che chiama "pezzi di metallo" dei precipitati di 0.000000000001 ng di alluminio?
Questo succede perché chi non si occupa di queste cose non ha i riferimenti giusti,  non conosce le scale di grandezza. Un po' come dire che si è caduti in acqua, senza riferimenti significa poco, la differenza tra cadere a riva dove l'acqua è profonda 10 centimetri ed in una baia con una profondità del mare di 20 metri è ovvia ed evidente.
A me ricorda molto chi dice che nei vaccini ci sono "feti abortiti", sai benissimo che i "feti abortiti" non possono esserci e quindi perché lo dici? Che effetto vuoi ottenere in chi legge e non capisce queste cose?

Secondo Montanari, quelli da lui trovati sarebbero "pezzi metallo".
Ma che effetti dovrebbero avere questi "contaminanti" in queste quantità?
Ovviamente non possiamo saperlo con certezza, solo negli ultimi anni si stanno studiando le reazioni tra particelle così piccole ed organismo ma l'evidenza (e l'esperienza, visto che da quando esistiamo siamo esposti a questi agenti) ci dice che non ci sono particolari rischi per la salute, anche perché gli eventuali danni dipendono non solo dalle quantità e dalle dimensioni delle particelle ma anche dal tempo di esposizione.

Si tratta di quantità (ammesso sia corretta l'analisi degli autori, cosa per niente scontata) trascurabili e che non fanno sospettare nessun effetto. E sono gli stessi autori dello studio a dircelo.

Uno studio che l'autore indica per sostenere la pericolosità dell'alluminio si fornisce un valore di sicurezza, ampiamente superiore a quanto trovato nei vaccini analizzati.

Nella nota bibliografica che loro usano per sostenere il nesso tra alluminio e danni neurologici (in pazienti dializzati, nota 12) è indicato uno studio del 1985 che, a pagina 146 dice: che il contenuto ideale di alluminio (nelle dialisi) dovrebbe essere inferiore a 50 μg/L, una quantità enormemente più grande di quella trovata nei vaccini analizzati.

Lo pensa anche l'agenzia nazionale francese di sicurezza sui farmaci: gli elementi trovati sono irrilevanti, in tracce e senza particolare significato, derivanti dai normali componenti dei vaccini e dai materiali usati per le analisi (tamponi, diluenti, filtri, ecc.). L'esame è stato realizzato da tre esperti:

Il dott. Robert Garnier, tossicologo, direttore del Centro Antiveleni e di Tossicovigilanza dell’Hôpital Fernand Widal, la  dott.ssa Sophie Lanone, esperta di nanoparticelle e nanopatologie respiratorie, ricercatrice dell’Istitut Mondor de Recherce Biomédicale di Crèteil, il dott. Thierry Rabilloud, esperto di nanoparticelle e interazioni con le cellule del sistema immunitario, ricercatore dell’Institut de Biosciences et Biotechnologies di Grenoble.

Ecco il riassunto delle conclusioni che possono essere lette per intero: QUI.
"I metalli sono stati trovati nella quantità di tracce in tutti i farmaci iniettabili analizzati, compresa la soluzione fisiologica. La presenza di questi metalli in tracce, che non può essere identificata se non con metodi molto sensibili, rispecchia la realtà ambientale e non deve essere considerata come un rischio sanitario."
Questi "inquinanti" la Gatti li ha cercati anche per antibiotici, cortisonici (iniettabili, ovviamente) o altri farmaci? Perché tra esposizione ai vaccini ed agli antibiotici diciamo che i secondi vincono a mani basse ma questo agli autori, evidentemente, non interessa.

Ecco come crolla tutto il castello antivaccinista. Ecco per che tipo di "studio" si è parlato di "vaccini inquinati", "pezzi di metallo", "vaccini sporchi". Io direi che prima di sparare sentenze sarebbe bene o conoscere un argomento o studiarlo bene.

Ma c'è un'altra conclusione che possiamo trarre da questo studio che voleva essere un allarme ed alla fine è solo un simpatico scherzo, anche un po' banalotto.

Conclusioni: un sospiro di sollievo.

Alla luce di quello che abbiamo visto, è giusto definire quei vaccini come "inquinati"? È corretto parlare di "pezzi di metallo"? È onesto dire che nei vaccini ci sarebbero contaminazioni pericolose?
Io non sono un esperto di vaccini, ma, oltre ad essere un medico, credo di avere un po' di sale in zucca, direi di no, decisamente, ma ognuno si faccia la sua opinione.

Non è comunque una bella notizia che persone che pubblicano cose del genere poi siano quelle alle quali genitori e mezzi di comunicazione diano credito ma prendiamo questi episodi come una lezione. Un ripasso di cos'è il metodo scientifico, di come si realizza correttamente uno studio, di come si evitano errori e distrazioni. Forse questo esempio è molto più esplicativo di tante lezioni sul doppio cieco, la randomizzazione, il gruppo di controllo o la significatività (tutti metodi per ridurre gli errori di uno studio, nessuno di essi utilizzato in questo caso). Un bellissimo esempio di cosa è la scienza, del perché il controllo incrociato è una garanzia per tutti. Questo ci spiega perché è difficile che uno scienziato scriva sciocchezze facendola franca, ci saranno 10, 100, 1000 suoi colleghi a controllare e criticare.

Una cosa interessante è che questi trucchi per arrivare alla conclusione voluta sono gli stessi che usano grandi, note e "serie" case farmaceutiche. Forse imparare a riconoscerli potrebbe renderci più colti.
Prendiamolo come esempio per essere più consapevoli di quello che ci danno in pasto certi giornalisti e certi media, cerchiamo di sfruttare questa esperienza per maturare. Anche perché, riflettendoci, questa storia ci riserva un'ulteriore sorpresa.

Come abbiamo visto questo studio non brilla per precisione ma è già qualcosa.
Questi risultati però ci dimostrano come, non solo i vaccini non presentino sostanze estranee in quantità rilevanti ma anche che nemmeno un microscopio elettronico sia riuscito a trovare campioni con contaminazioni importanti, significative, preoccupanti, nemmeno una.

Se giudicassimo quei campioni di vaccino persino con gli strettissimi standard di laboratorio ASTM (società indipendente che stabilisce gli standard, le caratteristiche di materiali, prodotti e servizi) con il massimo degli standard (ASTM tipo 1), sarebbero permessi per esempio 50 μg/L di carbonio organico (un indice di contaminazione molto usato) totale e 1 μg/L di sodio o 3 μg/L di silicio. Milioni di volte superiori a quanto trovato nei flaconi esaminati che quindi, oltre ai limiti di sicurezza, rispettano ampiamente anche i limiti di purezza.
La presenza di eventuali sostanze estranee è quindi risultata in tutti i casi rientrante nei limiti di sicurezza, di qualsiasi ente preposto al controllo.

Questo ci consentirebbe di definire quei vaccini come puri e sicuri.

Per concludere quindi, nonostante la poca accuratezza dell'esperimento (vi risparmio i commenti del post di Science Blogs stupefatti per ciò che hanno letto), nonostante la pubblicazione in una rivista senza alcun valore scientifico, nonostante le repliche, a dir poco isteriche, alle critiche ricevute (a tal proposito vi segnalo il post di riassunto della serissima OcaSapiens), possiamo concludere che i vaccini, almeno quelli analizzati, sono puri, puliti e sicuri.
Il fatto che questa conclusione derivi dall'esperienza di una esperta in malattie misteriose ci consente di considerare questo risultato particolarmente significativo.

Un sospiro di sollievo per tutti.

Alla prossima.

"È incredibile quanti problemi può causare un umile microscopio elettronico, quando è nelle mani di svitati" (Dott. David Gorski surgical oncologist. Professor of surgery at Wayne State University School of Medicine, USA).

[Articolo aggiornato dopo la pubblicazione iniziale]

Aggiornamento [10/02/17, 12.38]: il marito della dott.ssa Gatti, (Stefano Montanari), dichiara in alcune sue risposte (nelle quali indirizza insulti al sottoscritto ) che i lavori di cui parliamo sarebbero presi in seria considerazione dall'EMA (Agenzia Europea dei Farmaci): "L'European Medicines Agency è già in stretto contatto con noi e ha idee molto diverse da quelle del poverino. [il "poverino" sarei io, ndr.] "e "l'agenzia europea dei farmaci è già in contatto con noi e ha trasmesso i dati a chi di dovere.".
Chiesta conferma all'EMA che ha smentito categoricamente alcuna collaborazione con il dott. Montanari e smentisce l'interesse e la validità dello studio in questione.

Aggiornamento [11/02/2017, 22.25]: Se c'è una cosa bellissima ed interessante nel cammino della ricerca scientifica è il controllo pubblico di ciò che si afferma. Questa è una garanzia per tutti noi. Nessuno può barare fino in fondo, almeno fino a quando pubblicherà (metterà a disposizione del pubblico) le sue idee o ipotesi. La coppia di coniugi Gatti e Montanari, con questo studio, ha sicuramente suscitato molto interesse (probabilmente non proprio quello che loro volevano) e così qualcuno si è preso la briga di controllare anche i loro studi passati. Tante altre incongruenze ma ora gli studi approdano su PubPeer, una piattaforma pubblica nella quale addetti ai lavori fanno le pulci alle ricerche che compaiono in giro, cercandone errori, dimenticanze ed eventuali manipolazioni. Interessante, vero?

149 commenti:

  1. Finalmente. Applausi. Doc, i tuoi post alla "vecchia maniera" mi fanno impazzire.
    Questo me lo salvo, ad imperitura memoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Normalmente evito commenti solo per fare complimenti, ma devo ammettere che ho letto l'articolo tutto d'un fiato. Complimenti, davvero molto bello, preciso e coinvolgente. Mi accodo ai complimenti di Stefano e chiedo scusa per aver appesantito il forum inutilmente

      Elimina
    2. però un vaccino è stato analizzato e trovato pulito.era quello per uso veterinario.

      Elimina
  2. Lo "studio" (chiamamolo cosi' per educazione) del pittoresco duo e'un'offesa al metodo scientifico.

    RispondiElimina
  3. quindi tutta una bufala sta storia delle nanoparticelle ovunque ? ma a che pro' .. solo per visibilita' mediatica e vendere i libri o ? non capisco...come mi sfugge ? grazie :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente perché tu non sei il tipo, "ti sfugge" che per visibilità mediatica e vendere libri c'è gente che si venderebbe la madre. E in confronto a quello, cos'è fare una analisi con criteri un po'... "allegri"?

      Elimina
  4. quindi tutta una bufala sta storia delle nanoparticelle ovunque ?

    Non è una bufala che le nanoparticelle siano ovunque. In questo momento le stai respirando e mangiando. È chi ha scritto lo studio che dovrebbe dimostrare che non dovrebbero esserci nei vaccini e che, se ci sono, sarebbero dannose.
    A che pro?
    Beh, la dottoressa Gatti ha un suo laboratorio analisi, è la sua fonte di guadagno.

    RispondiElimina
  5. Ma l'ittiosauro non era un dinosauro acquatico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella realtà sì ma il microscopio non lo sa e continua a ritenerlo volante.
      :D

      Elimina
    2. In effetti propendo per la tua ipotesi, che sia un fossile ittiosauro.
      Anche perchè nell'analisi a lato della foto di questi strani globuli rossi manca proprio il componente chimico fondamentale dei globuli rossi, e cioè il ferro (Fe), mentre ci sono carbonio, fosforo e zolfo, componenti delle ossa degli ittiosauri...

      Elimina
  6. Che articolo! Fantastico. I riferimenti alla bibliigrafia sono esilaranti :)

    RispondiElimina
  7. Il problema sono proprio le dimensioni di queste nanoparticelle perché essendo più piccole del DNA possono tranquillamente entrarne a contatto e durante una mitosi creare delle alterazioni nonché cellule neoplastiche, specialmente se Queste entrano tramite ignezione, perché ricordiamoci che possono raggiungere qualsiasi organo compreso il "cervello"....La dottoressa gatti ha chiesto più volte di poter analizzare i vaccini alla fonte ma non ha mai ricevuto risposta, ha chiesto più volte agli esperti scientifici di poter constatare il loro metodo in laboratorio, ma non ha mai avuto risposta.
    Quindi per favore le repliche scientifiche fatele nelle sedi opportune e non sui social.
    (Leo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se legge questo articolo del suo idolo
      http://www.stefanomontanari.net/sito/blog/2516-come-dare-addosso-ai-vaccini-e-ricevere-un-premio.html#comment-2472
      Troverà un passaggio interessante:
      1. Di regola un vaccino manifesta i propri effetti avversi, che ci possono essere e sono indubbiamente ben più numerosi e gravi di quanto non si voglia lasciar trasparire, entro non più di un paio di giorni. Se, poi, i vaccini sono più d’uno, è più che probabile che i tempi si accorcino. Comunque, non certo che si dilatino. Ebbene, i militari si ammalano anche dopo mesi, persino anni, dal momento delle vaccinazioni.
      2. Non è mai stata trovata una sola prova che i vaccini inducano leucemie o linfomi, cioè i cancri di gran lunga più comuni nei soldati. Lo stesso vale per le altre forme di tumore.
      Che dire....epic fail.

      Elimina
  8. Il problema sono proprio le dimensioni di queste nanoparticelle perché essendo più piccole del DNA possono tranquillamente entrarne a contatto e durante una mitosi creare delle alterazioni nonché cellule neoplastiche

    Interessante.
    Immagino quindi che lei non usa e non ha mai usato antibiotici, anestetici o non accetterebbe mai una trasfusione. Se una "ignezione" causa "alterazioni" o "cellule neoplastiche" sarebbe una follia.

    La dottoressa gatti ha chiesto più volte di poter analizzare i vaccini alla fonte ma non ha mai ricevuto risposta

    E ci mancherebbe.
    Intanto la dottoressa non fa parte di nessun organismo di controllo e poi è esperta di malattie misteriose e di Balcani, non di vaccini o medicina, non è che uno entra a fare analisi a casa degli altri così, tanto per capriccio. In ogni caso non c'è bisogno di fare analisi "alla fonte", basta farle bene, onestamente e con un metodo inattaccabile, a quel sì che farebbe un servizio utile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma poi perche' farle "alla fonte"? Il vaccino lo inietti dalla fiala (o dalla siringa in cui e') per cui e' molto piu' importante vedere come arriva al "consumatore"...

      Elimina
  9. Ha scritto ignezione, Dottore, non sprechi il suo prezioso tempo.
    Complimenti per l'articolo.

    RispondiElimina
  10. Dottor Di Grazia meno male che esistono medici come lei e Burioni che si prodigano per arginare questa marea montante di ignoranza e oscurantismo.

    RispondiElimina
  11. Aspettavo da tempo una review di MedBunker sui nanobufalari.
    Per causa loro ho rotto i rapporti con Gava, nel 2013, e sto mandando al diavolo parecchi obiettori dummies.
    A suo tempo ho realizzato un video (un po lungo) che consente di conoscere i due "scienziati" di Modena e le loro teorie.
    Per chi volesse approfondire.
    https://youtu.be/V5irOYFKFEA

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. due osservazioni:
    1) il DNA è *spesso* 2 nm, la sua lunghezza complessiva nella singola cellula è nell'ordine del metro (io dall'università ricordo 2 metri, sulla treccani ho trovato 1 metro)
    2) l'IF di una rivista è comunque da contestualizzare: difficilmente riviste di settori specifici avranno un IF comparabile con quelli di Science, Nature o Lancet, che sono più "generaliste". In settori molto specifici, un IF di 3 potrebbe già essere ottimo. Tutto il discorso, ovviamente, non vale per la rivista in questione che è una predatory journal, ma mi sembrava giusto sottolinearlo

    RispondiElimina
  14. La ringrazio dottor di grazia per l interesse che ha dedicato al mio commento...Lo sa però cos'è che mi sconcerna?? L' inattaccabilita' del dogma vaccinale.
    Vede fino ad un anno fa' quando riportavo gli studi della dottoressa gatti e del dottor montanari, mi prendevano per visionario negando l'esistenza di tale nanoparticelle...Anzi imperversavano sul web post molto ironici che le paragonavano ai simpatici ometti di Biancaneve.
    Adesso invece dopo una pubblicazione ne discutiamo...E vedo un grande interesse della comunità scientifica a prendere posizioni con esperti a livello internazionale, invitando la dottoressa gatti a controllare e dare una "pulitina" al suo microscopio elettronico.
    Però mi sorge un dubbio... Perché dopo la sua pubblicazione insieme ad uno staff del reparto oncologico dell'università di Pesaro sulla rivista leukemia research, riportando un altissimo tasso di nanoinquinanti nel sangue dei malati di leucemia mieloide acuta rispetto ad individui sani, la sua ricerca non è stata simpaticamente commentata sul web??
    Vi ricordo che la metodologia usata è la stessa.
    Vi saluto ed aspetto con interesse la prossima pubblicazione scientifica , sperando che il dibattito sia un po'più oggettivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sa però cos'è che mi sconcerna?? L' inattaccabilita' del dogma vaccinale.

      Che in questo caso non c'entra niente. Comunque, qualsiasi sia la cosa che ci allarma o stupisce, a livello scientifico si dimostra o discute con dati alla mano. Se uno scienziato sostiene che la gravità non esiste perché ha visto i palloncini volare in cielo sta sicuramente esponendo la sua legittima opinione ma non sta aiutando né la verità né il progresso e chiunque è autorizzato a dirgli che ha pensato ad una sciocchezza.
      Con i dati (veri, seri, dimostrabili) si ha sempre ragione.

      Adesso invece dopo una pubblicazione ne discutiamo...

      Perché i vaccini sono l'argomento del giorno e non a caso la Gatti ha analizzato i vaccini e non gli antibiotici o le vitamine. Un caso, certo. :)

      Perché dopo la sua pubblicazione insieme ad uno staff del reparto oncologico dell'università di Pesaro sulla rivista leukemia research, riportando un altissimo tasso di nanoinquinanti nel sangue dei malati di leucemia mieloide acuta rispetto ad individui sani, la sua ricerca non è stata simpaticamente commentata sul web?

      Perché si tratta di una cosa simile a questa sui flaconi di vaccini. Il metodo, nella ricerca, è fondamentale, altrimenti potremmo dimostrare quello che vogliamo ed è fondamentale anche il contesto, altrimenti potremmo ritrovarci intossicati di monossido di diidrogeno.
      Se ho commentato questo studio della Gatti è perché è un esempio perfetto di come NON si fa uno studio scientifico.
      Poi ovviamente se uno si accontenta...

      Elimina
    2. Premetto che non sono un medico, mi occupo di comunicazione, video e documentario.
      Lunedì sera mi ero rifiutato in modo categorico di vedere il servizio di Report, dall'anteprima avevo sospettato un prodotto audio-televisivo montato male e costruito con forte soggettività da parte dell'autore.
      Anche nel reportages esiste un metodo. Purtroppo e mi duole dirlo ma da un punto di vista semantico e giornalistico Report ha cercato la notizia nella direzione sbagliata. La ringrazio sentitamente per questo articolo.
      Purtroppo però in queste ore è facile imbattersi in commenti sui social di ragazzi (16-18 anni) che hanno disdetto l'appuntamento per fare il vaccino. Constatazione empirica, molto soggettiva. Tale mia affermazione meriterebbe tra un mese di essere verificata sulla base dei dati.

      Elimina
  15. una cosa che mi ha sempre dato da pensare :

    ma possibile che ci sia SEMPRE in prima persona (libri e interviste in TV ) sempre e solo il marito...non vi pare strano ? timida la moglie o ?

    poi gia il fatto che si fa chaimare Professore.... boh ? ha i titoli ?


    ma quindi riassumendo sto mercurio e CONTAMINANTI vari ci sono davvero nei
    vaccini si o no ?


    e sta cosa :

    “Però mi sorge un dubbio... Perché dopo la sua pubblicazione insieme ad uno staff del reparto oncologico dell'università di Pesaro sulla rivista leukemia research, riportando un altissimo tasso di nanoinquinanti nel sangue dei malati di leucemia mieloide acuta rispetto ad individui sani, la sua ricerca non è stata simpaticamente commentata sul web?? “


    se confermata... andrebbe a confermare quanto dicono , o no ? boh ? saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma possibile che ci sia SEMPRE in prima persona (libri e interviste in TV ) sempre e solo il marito...non vi pare strano ? timida la moglie o ?

      Ma questo mica è un problema, appare chi vuole apparire.

      poi gia il fatto che si fa chaimare Professore.... boh ? ha i titoli ?

      Che mi risulti: no.

      quindi riassumendo sto mercurio e CONTAMINANTI vari ci sono davvero nei
      vaccini si o no ?


      Da questo studio non possiamo saperlo (fatto male) molto probabilmente ci sono perché non esistono prodotti umani esenti da contaminazioni. Il punto è la quantità ed i limiti di sicurezza. In base a questa analisi non c'è nessun vaccino che vada oltre (ma nemmeno che si avvicini) i limiti.

      se confermata... andrebbe a confermare quanto dicono , o no ?

      Se confermata, se ne discuterà. La scienza non la fa uno studio fatto male ma più studi (ripetuti) fatti bene.

      Elimina
  16. so che vi faro' ridere..... ma almeno servira' magari per una futura trattazione, conosce autore scrittore MARCO PIZZUTI ?

    collabora anche con la trasmissione Misteri di italia 1 e ha scritto un
    libro dal titolo : "SCOPERTE MEDICHE NON AUTORIZZATE"

    mi farebbe piacere sapere il vs parere autorevole, praticamente parla di tutto e da inesperto e profano sembra in modo abbastanza obbiettivo ...

    alla fine ci saranno 20 o 30 pagine di riferimenti vari.


    nel libro esamina questi avri casi:

    - Zamboni

    - Campbell (china study)

    - Lissoni

    - metodo gherson

    - Trimprob di Verducchio (ma che fine ha fatto poi ? )

    - hiv non aids (complotto e le varie balle di montanier... ma vero poi ? )

    - tullio simoncini ( e qui cade nel ridicolo ! ma ora esercita in albania?)

    - e guarda un po' ... il nostro montanari

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto in libreria un libro dello stesso autore dal titolo "scoperte scientifiche non autorizzate" e l'ho sfogliato per curiosita'.
      Per prima cosa ho visto una parte sui motori boicottati (a dire dell'autore) dalle solite lobby, ed ho trovato un paragrafo sul motore ad acqua: cioe' quello che funzionerebbe decomponendo l'acqua per elettrolisi e bruciando l'idrogeno ottenuto. Motore descritto come se potesse funzionare.
      Per seconda cosa ho rimesso il libro sullo scaffale.

      Elimina
    2. Già il fatto che collabori a "misteri" su italia uno lo squalifica un bel pò.

      Elimina
  17. Premetto che condivido completamente il contenuto del post.
    Segnalo alcune imprecisioni (e alcuni dubbi) nel paragrafo relativo alle dosi di alluminio ammessi:
    1. 10 μg come limite di sicurezza non sono 1000 ng ma 10000 ng; ovviamente la tua conclusione è ulteriormente rafforzata.
    2. trovo alcune incoerenze tra le soglie OMS e ERSA; per l'OMS la soglia è di 60 mg al giorno per una persona di 60 kg (circa 10 piatti di pasta), mentre per EFSA il limite, per la stessa persona, sarebbe di 60 mg alla settimana (un piatto e mezzo di pasta al giorno). Puoi confermare che i due enti danno soglie differenti di quasi un fattore dieci? Tra l'altro, mi insospettisce il fatto che in entrambi i casi il limite sia di 60 mg e cambi solo il periodo di applicazione: non è che uno dei due riferimenti che citi abbia riportato un dato sbagliato?
    La cosa mi interessa in quanto, dato il mio peso e le mie abitudini alimentari, mi avvicinerei abbastanza al secondo limite ;-): 95 kg per 2 piatti di pasta al giorno: ammissibili 95 mg di alluminio, assunti 84 mg.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, corretto. Grazie.

      trovo alcune incoerenze tra le soglie OMS e ERSA

      Le differenze quasi sempre dipendono dagli studi analizzati (alcuni molto vecchi), dall'analisi degli alimenti se processati o meno (i processati contengono più alluminio) e dalle zone di analisi (in oriente sembra esserci più alluminio alimentare, forse derivante dal pesce). Quindi dobbiamo considerare (come è sempre giusto fare) le cose con buon senso, se non si esagera, l'accumulo sarà molto difficile.

      Per EFSA: Quello è un valore medio (gli studi sono tanti), poi l'EFSA ha cercato di trovare un valore considerando anche il potere di accumulo nell'organismo ed ha fissato quello di 1 mg/kg a settimana, quindi (ma questo è comprensibile), dipendente anche dal peso della persona (https://www.efsa.europa.eu/en/efsajournal/pub/754).

      Per OMS: il valore (commissione congiunta FAO/OMS, JECFA) limite è di 7.0 mg per kg a settimana (circa 60 mg al giorno per una persona di 60 kg.), poi revisionato ad 1 mg ed infine nel 2007 a 2 mg (sempre per kg a settimana), nelle prime righe di questo lavoro trovi i dati ed i riferimenti: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4221837/


      Posso aggiungere una cosa? Hai tutta la mia vicinanza umana ed alimentare (sono un amante della pasta...) ma pasta due volte al giorno è tanto, non per l'alluminio...proprio per la pasta. Allora basterebbe mangiarla due volte al giorno ma in quantità minime (o una volta, più abbondante), si salverebbero pasta ed alluminio. :)

      Elimina
    2. Beh, a me non piacciono né il pane né i dolci, che mangio assai di rado. Non credo che 3 etti di carboidrati (1200 kcal) siano troppi. Anzi, mi sembra che siano più o meno quelli raccomandati.
      Per i grassi e le proteine ci sono i condimenti, che tendo a variare molto.

      Elimina
    3. Io sono alto 1,74, peso 84 kg (sono sovrappeso), mi piace la pasta ma non vado mai (per mantenermi) oltre gli 80 gr. al giorno (in una o due volte), 1200 kcal mi sembrano troppi (per i dati che mi hai dato ma non è possibile dirlo così).

      Elimina
    4. Naturalmente non so abbastanza di te per fare una stima corretta. Con qualche assunzione (età 50 anni? attività fisica moderata?), usando il widget di Wolfram|Alpha (sito che dovrebbe essere abbastanza affidabile) all'indirizzo http://www.wolframalpha.com/widgets/view.jsp?id=a206999c4774fa537e5db2b382cc06da viene fuori che il tuo metabolismo basale è di circa 1750 kcal, 2400 se svolgi un'attività moderata (sospetto che per un chirurgo sia qualcosa di più). Dato che attualmente vedo che le indicazioni sono per circa il 50% di calorie provenienti dai carboidrati, mi sembra che dovrebbero contribuire nel tuo caso per 1200 kcal. Non so però quanto pane e pasta mangi.
      Io sono sovrappeso (cosa che fa aumentare il metabolismo basale), sono alto come te e sono più vecchio (questo lo fa diminuire): complessivamente i miei dati sono analoghi. Continuo a pensare che due piatti di pasta (o riso) al giorno, senza pane e senza dolci, vadano bene.

      Elimina
    5. mi sento di rassicurare entrambi sul fatto che 300 g di pasta di semola non integrale non sono 300 g di carboidrati ma poco meno di 240, per un totale di circa 1000 kcal, di cui circa 950 dai carboidrati (http://sapermangiare.mobi/tabelle_alimenti/000800/300/pasta_di_semola_cruda.htm).
      Aggiungo inoltre che non c'è alcuna legge che impedisca di mangiare primo a pranzo e a cena, dipende solo dal fabbisogno personale.
      Infine, una dieta da 2000 kcal con soli 80 g di pasta mi costringe a usare il pane sia a pranzo che a cena, quindi mangiatene quanta ne volete, se volete consumare 2000 kcal, compatibilmente con il mercurio. Ma usate anche i secondi, tanta verdura e l'olio extravergine d'oliva.
      :-)

      Elimina
  18. aldopaolo interessante ... ah ah :-)


    Ma vero quello che montanari afferma qui :

    https://www.youtube.com/watch?v=V5irOYFKFE


    che sua moglie e’ tra 10.000 e’ tra 32 scienziati TOP al mondo ?


    e che dite di questo intervento del Prof. Berrino :

    https://www.youtube.com/watch?v=yO3yOwNNJlk

    Estratto dal convegno sui Distruttori Endocrini del prof. Franco Berrino, che interviene, grazie al prof. Montanari, sulla questione delle NANOPARTICELLE.


    Chiaramente NON esperto in nanotecnologie …..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che sua moglie e’ tra 10.000 e’ tra 32 scienziati TOP al mondo ?

      Ma no, non risulta nemmeno tra i primi 60 nel suo campo specifico, figuriamoci in generale. :)

      http://www.topitalianscientists.org/TIS_HTML/Top_Italian_Scientists_Material_Nano_Sciences.htm

      Elimina
    2. sua moglie e’ tra 10.000 e’ tra 32 scienziati TOP al mondo ?

      aggiustare numeri e vicende e' un vezzo del dr Montanari.
      In questo caso 10.000 e' il numero che corrisponde ai membri dell'International Union of Societies for Biomaterials Science and Engineering (IUS-BSE), che non e' comunque tutto il mondo scientifico. La IUS-BSE e' composta da societa' piu’ piccole tra le quali la European Society for Biomaterials (ESB) https://sites.ualberta.ca/CMENG/worldbio/constituent.htm, il cui delegato e' kirkpatrick@uni-mainz.de, partner di un progetto europeo finanziato alla dr.ssa Gatti. La dottoressa e' membro della European Society of Biomaterials (ESB) che ha circa 750 membri http://www.esbiomaterials.eu/Cms/Content/5. Non e’ un membro onorario quindi paga l'iscrizione annuale che se non sbaglio e’ di 130 Euro l'anno.
      Ogni societa' che fa capo alla IUS-BSE (quindi anche la ESB) puo' avere un numero massimo di "Fellows" pari al 10% dei suoi iscritti, quindi 75; le nomine avvengono in occasione del Convegno Mondiale della IUS-BSE e la proposta delle singole societa' (su decisione dei loro fellows gia' esistenti) viene poi valutata e accettata o rifiutata dai Fellows gia' esistenti della IUS-BSE https://sites.ualberta.ca/CMENG/worldbio/fellows.htm. Gli attuali Fellows sono 270 di cui 52 nominati nel 2012, anno in cui e' stata nominata anche la dr.ssa Gatti.
      Quindi, riassumendo, la dr.ssa Gatti e’ stata proposta per il riconoscimento di “Fellows of IUS-BSE” da qualche decina di persone (i fellows della ESB). Tra questi c’e’ il referente della ESB per la IUS-BSE(Kirkpatrick) che e’ stato partner di un progetto europeo finanziato alla Gatti e con il quale e’ coautrice di 5 pubblicazioni di cui solo in 1 la Gatti e’ primo autore. La proposta e’ stata poi accettata, dai 218 gia’ Fellows della IUS-BSE. Quindi parlare di scienziata mondiale in assoluto, ossia in tutti i campi della scienza, mi sembra un bel po’ eccessivo. Alla luce di quanto su scritto, anche il 10.000 mi sembra forzato. Il 32 e’ uno dei misteriosi numeri del dr Montanari; se avesse scritto 52, che in ogni caso sarebbe stato di tutto rispetto, poteva essere giustificato riferendolo all’anno di elezione come Fellows!

      Elimina
    3. Credo che il numero giusto sia 42.
      Cit: Douglas Adams

      Elimina
    4. Ne ho contati 52 eletti el 2012 e 270 totali

      Elimina
    5. Ne ho contati 52 eletti el 2012 e 270 totali

      Elimina
  19. buonasera solo una domanda perché nel vaccini per gatti il dott. Montanari non ha trovato nulla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perché nel vaccini per gatti il dott. Montanari non ha trovato nulla?

      E chi lo sa. Con un metodo sperimentale così disordinato e senza logica è un problema capirlo. Non sappiamo qual è il "bianco", cioè la situazione "normale", "basale", "standard", quindi non si può giudicare nulla. Questo è il motivo per cui, quando fai un esperimento, devi farlo nel miglior modo possibile, altrimenti più che risposte fai sorgere domande.

      Elimina
    2. buonasera solo una domanda perché nel vaccini per gatti il dott. Montanari non ha trovato nulla?
      per rispetto alla moglie :)

      Elimina
  20. buonasera solo una domanda perché nel vaccini per gatti il dott. Montanari non ha trovato nulla?

    Questo e' quanto ha sempre affermato il dott Montanari ma lui stesso lo smentisce chiaramente nell'articolo: nella tabella 2 dichiara di aver trovato nel Feligen gli elementi Ca,SiAl ma viene dichiarato pulito sebbene la presenza di Alluminio (Al) non sia dichiarata dal produttore e quella di Silicio (Si) che in altri interventi del dottore e consorte viene considerato pericolosissimo vetro, in questo caso pare accoppiato all’Alluminio quindi sara’ una delle strane leghe che i consorti dichiarano inesistenti su qualunque libro di metallurgia; nella tabella 3 dichiara di aver trovato nel Feligen anche 92 particelle con dimensioni tra 0.1 e 12 micrometri (quindi anche nane cioe' minori o uguali a 0.1 micrometri) + un cluster da 12 micrometri + 1 aggregato da 25 micrometri formato da 40 particelle.
    In compenso definisce inquinato (considerato che dichiara che lo sono tutti tranne il feligen)l'Allergoid che dalla tabella 2 risulta contenere solo Al, che comunque e' dichiarato dal produttore, e dalla tab 3 sembra contenere solo precipitati di Cloruro di Sodio (se non sbaglio la soluzione base di tutti i vaccini lo contiene). Nell'Engerix trova solo precipitati di Alluminio che non e' dichiarato dal produttore ma che su tale base non dovrebbe essere neanche nel Feligel. Il Morupar risulta perfettamente pulito sia guardando la tabella 2 che la tabella 3. Qualche altro esempio di vaccini con un numero di particelle nettamente inferiori al Feligen: nel Vivotif solo 4 particelle con dimensioni tra 1.5 e 15 micrometri (non nane), nell'Anatetall ne trova 2, nel primo Infarix solo 3 e nel Typherix solo 8. Per quanto riguarda i numeri in tabella 3 e figura 8 vedi il commento Mattea Mattei alcune chicche .... su https://www.facebook.com/robertoburioniMD/posts/2236848369873667:0 che e' stato anche riportato da Germano, con richieste di spiegazioni, sul blog di Montanari http://www.stefanomontanari.net/sito/blog/2962-sipario.html#comments; la risposta del dottore: Sta scherzando? Molto ma molto scientifica, puntuale e dettagliata!

    RispondiElimina
  21. Doc, stavolta l'hai fatta grossa. Sul suo blog, Montanar molla tutto con uno struggente addio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, lo ha già fatto venti volte, è un ex attore, fa l'uscita di scena e poi gli fanno l'applauso e ritorna.
      :)

      Elimina
    2. evita anche di dover rispondere alle domande perche' non puo' piu' parlare di vaccini; potrebbe anche cancellare i commenti come ha fatto in altre occasioni

      Elimina
  22. Il famoso Jhon Ioannidis docente di medicina e metodo scientifico alla Stanford University che pubblico' nel 2005 lo studio " Perche' la maggior parte dei risultati e' falsa", ora ha con altri 9 colleghi scritto lo scorso 10 gennaio il "Manifesto per una scienza riproducibile"....anche per evitare i tanti casi di studi falsificati tipo appunto quello pubblicato nel 1998 su LANCET (poi ritirato) di Andrew Wakerfield che collegava i vaccini all'autismo .

    Come dice giustamente l'economista Ronald Coase al giorno d'oggi con i potenti data-base che possediamo, il rischio di errori e' piu alto che mai e l'illusione di vedere quello che vogliamo e' altissima !



    Piccolo OT, dopo il libro e' uscito il film "150 milligrammi", la storia di una eroina francese la dott.ssa Irene Frachon che scopre il legame DIRETTO tra numerosi morti e il farmaco Mediator, un farmaco in commercio da oltre 30 anni con relativo scandalo coperto dal servizio francese per non creare danni alla casa farmaceutica che lo produceva.... il solito scontro tra davide e golia.

    RispondiElimina
  23. Eppure c'e' uno studio tedesco che analizza 16 vaccini e trova un po' di tutto. Compresi valori di alluminio di circa 4-500mila micro-grammi per litro... ma anche molto di piu', anche piu' di un milione di microgrammi per litro...

    Se lo legga... e poi mi faccia sapere!

    http://www.agbug.de/download/Impfstoffuntersuchung01.pdf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo legga... e poi mi faccia sapere!

      Oltre al fatto che non conosco il tedesco, quello non è uno studio ma dei fogli di analisi di laboratorio, può averli fatti chiunque, scrivere quello che voleva e mettere numeri a caso. Le cose si fanno bene o non si fanno (è la frase che ripeto sempre a mio figlio).
      Saluti!

      Elimina
    2. I numeri sono giusti e sono quelli dichiarati dal produttore del vaccino. Per esempio il valore più elevato di alluminio di un milione di microgrammi per litro ossia 1 g litro è quello dichiarato per il Gardasil e per il Synflorix (vedi link sotto). Una dose di 0,5 ml contiene 0,5 mg di Alluminio. Niente di speciale quindi è anche al di sotto della media visto che questa si attesta sui 2-3 grammi litro.

      http://www.ema.europa.eu/docs/it_IT/document_library/EPAR_-_Product_Information/human/003852/WC500189111.pdf

      http://www.ema.europa.eu/docs/it_IT/document_library/EPAR_-_Product_Information/human/000973/WC500054346.pdf

      Elimina
    3. Risposta insufficiente.

      Comunque, qui c'e' la spiegazione di questo STUDIO:

      http://www.impfkritik.de/pressespiegel/2017020402.html

      Per le lingue si faccia aiutare!

      Elimina
    4. Per le lingue si faccia aiutare

      Ecco, l'ho fatto.
      :)
      Ed ho,scoperto che quelle sono le analisi fatte in un laboratorio privato canadese che fa analisi farlocche, in questo caso chieste da Hans Tolzin, bizzarro antivaccinista tedesco che tra le altre cose crede a baggianate come quella che non esistono prove dell'esistenza dei virus.
      :D
      Caso risolto e chiuso.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    6. Complimenti, sig. Pomante! Veramente un gran figurone...
      Dott. Di grazia, la conoscevo già per la sua pagina FB. Non ha fatto altro che confermare la mia stima nei suoi confronti. Il suo articolo è serio e rigoroso e, nonostante gli evidenti limiti di quanti come me non sono addetti al settore, apprezzabile per qualità e metodo.

      Elimina
  24. Hanno scoperto l'acqua calda visto che l'alluminio fa parte degli eccipienti: http://m.apotheken-umschau.de/Medikamente/Beipackzettel/Tetanus-Impfstoff-Merieux-Fertigspritze-o-Kanuele-1298757.html

    RispondiElimina
  25. Dottor Di Grazia le volevo segnalare che sub blog della locati le truppe cammellate sono già intervenute in sostegno del loro "eroe" ed è stata pubblicata una intervista al farmacista
    http://blog.ilgiornale.it/locati/2017/02/11/vaccini-sporchi-minacce-ai-ricercatori-2/?repeat=w3tc
    con una controanalisi al suo post
    http://blog.ilgiornale.it/locati/files/2017/02/I-goal-di-Medbunker-3.pdf
    fatta nienetepopodimeno che da fabio franchi noto medico antivaccinista
    http://www.linkiesta.it/it/article/2017/01/28/medici-che-odiano-i-vaccini-ecco-chi-sono/33072/
    Spero di esserle stato utile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sub blog della locati le truppe cammellate sono già intervenute

      Grazie per la segnalazione ma ritengo che non sia utile una battaglia, qui è tutto chiaro, scritto nero su bianco, ovviamente ognuno può studiare le cose per conto suo, ho solo voluto dare un aiuto.
      L'obiettivo principale comunque era spiegare perché questo piccolo studio sia una bella prova di "esercizio scientifico", come scovare le bufale, come capire i trucchi della ricerca e come distinguere la buona dalla cattiva scienza, se poi i seguaci dell'antiscienza hanno bisogno delle rassicurazioni dei loro sacerdoti non sono fatti miei. Ognuno ha la sua vita e certo non ho la missione di salvezza dell'umanità.
      L'unica cosa che mi salta all'occhio è che l'ignoranza è purtroppo ancora una cicatrice. Quelle persone sono continuamente prese in giro, nemmeno se ne accorgono e probabilmente pensano anche di essere nel giusto.
      :)

      Elimina
    2. Ho letto il post della Locati.
      Bellissimo, risponde a niente tra risate e battute e tutti sono contenti. Cioè non smentisce nulla di quanto scritto con dei dati ma sempre con "è un ignorantone quindi credete a me".
      Bellissima la scusa della rivista: lo studio era stato inviato alla prima ma sono stati quelli della rivista a "dirottarlo" ad un'altra! Ahahah! :D

      E la Locati zitta, come se fosse tutto normale. Non è fantastico?
      Trovo sempre molto curioso come alla medicina si facciano le pulci e si chiedono prove, controprove e riprove, agli alternativi non si chieda nulla, basta la loro parola, di loro si fidano perché il sacro fuoco della ribellione basta e avanza.

      Alla fine dice che vuole smettere per minacce ricevute (eh? E da chi, denunci subito!) tranne se...tranne se...qualcuno lo aiuta economicamente (e come, le minacce scompaiono davanti a qualche soldo?)...
      Toscanaccio di un Montanari che genio...

      E sono tutti contenti!
      :)

      Elimina
    3. Ma difatti è palese la manovra per trovare uno sponsor che gli compri un nuovo microscopio tutto per lui, il classico chiagni e fotti o alla toscana chi non piange non puppa.

      Elimina
    4. Mica male usare il termine "dirottato" come eufemismo per "rifiutato" :-)

      Elimina
    5. Sono andato a leggere il blog in questione. Il povero utente "Powers of Ten" (che da come scrive deve essere competente in materia, probabilmente un medico) sta cercando di far ragionare i frequentatori del blog, e viene massacrato con commenti off-topic ed attacchi personali. Mi sono permesso di pubblicare un post in sua difesa, chiedendo che quanto meno si risponda nel merito alle sue obiezioni e non con attacchi personali ma sono stato censurato in un microsecondo. Sembra un postaccio...

      Elimina
    6. È una chiesa, con una religione. Non è permesso dire che il loro Dio non esiste, che li sta prendendo in giro, che è un'invenzione. Fede, si chiama fede. Ed il sacerdote, come spesso avviene, a quel Dio non ci ha creduto quando ne ha avuto davvero bisogno. Si è operata in ospedale, come tutti, senza ciarlatanerie o guru.
      Sono persone estremamente fragili.
      Fanno tenerezza (e non lo dico ironicamente).

      Elimina
  26. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  27. Divertentissime le risposte di Montanari.
    In sostanza dà dell'imbecille a tutti, senza mai entrare nel merito.
    Quanto all'IF, sostiene che gli hanno scambiato a sua insaputa la rivista di pubblicazione. Un grande.
    Tornando seri, questo post è la prima vera silurata “strutturata” che il dinamico duo si becca.
    Perchè finora si erano mossi con discreta abilità in una zona grigia tra scienza e ciarlataneria.
    Era ora che qualcuno li tirasse fuori dalla tana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sostiene che gli hanno scambiato a sua insaputa la rivista di pubblicazione

      Sì, questa è bellissima e può permettersi di dirla perché conta su un pubblico di ignoranti che ovviamente non si rende conto delle sciocchezze che sente.

      Tornando seri, questo post è la prima vera silurata “strutturata” che il dinamico duo si becca.

      Io non sapevo neanche chi fosse 'sto Montanari, un giorno mi trovo una mail nella quale mi invitava a fare le analisi nel suo laboratorio, gli ho spiegato che io, come lui, non sono un esperto di vaccini, quindi quelle analisi non sarebbero servite a nulla, non è che uno prende un microscopio, una fiala e pensa di aver fatto la scoperta del secolo. Poi lo ritrovo in questo studio e non potevo che studiarlo bene...e quello che ho trovato l'ho scritto. :)

      Elimina
  28. Leggendo i nomi Montanari e Gatti mi è venuto un sospetto. Ma non saranno mica i guru delle nanoparticelle che si fecero finanziare l'acquisto di un microscopio elettronico da Beppe Grillo con i suoi spettacoli? Ricordo poco della vicenda ma se non erro perfino Grillo alla fine dovette allontanarli.

    RispondiElimina
  29. dai.... quindi ci e' cascato anche Grillo ?

    ora (sono le 21di lunedi ) su telecolor c'e una intervista al Montanari e sta pontificando sui termoincenritori !

    ma e' anche epserto di queste cose ?

    dice che scaricano nell'atmosfera polveri pazzesche e anche i residui
    che degli inceneritori sono tantissimi e non filtrate dai filtri a
    manichette.....

    qualche ESPERTO di sta cosa ? bufala anche questa o magari qui dice cose
    vere ?

    RispondiElimina
  30. Buongiorno, per cortesia è possibile vedere uno stralcio del documento di risposta dell'EMA "che ha smentito categoricamente alcuna collaborazione ..."? grazie e saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No perché è una mail privata che non sono autorizzato a diffondere (in realtà ho dimenticato io a chiederlo ma sto provvedendo) ma che io sappia a giorni alcuni diretti interessati lo faranno.

      Elimina
  31. Una osservazione di servizio.
    L'informazione di articolo aggiornato dovrebbe essere messa sotto il titolo, per consentire a chi ha già letto il pezzo - e segue gli sviluppi della discussione in calce al post cliccando sulla colonna degli ultimi commenti - di accorgersi subito delle integrazioni, al caricamento della pagina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta facevo così, poi mi hanno consigliato di metterla alla fine così uno leggeva l'articolo e alla fine capiva se era la versione originale o meno. L'avviso serve a fare capire che la versione on line non è quella originale e che contiene cambiamenti, aggiunte o aggiornamenti. In fondo potrei anche non metterla, è solo una cortesia nei confronti di chi legge. Quindi io la lascerei così.

      Elimina
    2. Non capisco il vantaggio di non sapere - in prima lettura - che all'articolo sono seguiti aggiornamenti. Forse mi sfugge qualcosa perché condizionato da un interesse personale (navigando con i link dei commenti recenti come faccio di solito, mi sono accorto solo stamattina delle postille dei gg. 10 e 11, e solo grazie al fatto che un commento mi ha fatto sospettare della loro esistenza).

      Elimina
  32. Io non sapevo neanche chi fosse 'sto Montanari, un giorno mi trovo una mail nella quale mi invitava a fare le analisi nel suo laboratorio,

    Presumo trattarsi di una mail parecchio datata (almento 7 anni) o sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, lui mi diceva che un suo "amico medico" che lavora all'estero (un giovane medico alternativo coinvolto in fatti di cronaca nera che mi segue su Twitter) gli aveva riferito le mie risposte a chi chiedeva lumi su questo studio sui vaccini (io rispondevo che si trattava di uno studio farlocco).
      Allora Montanari, pochi giorni fa, mi ha scritto chiedendomi di venire nel suo laboratorio a ripetere le analisi o portare i miei dati.
      Un po' come se uno dice di aver scoperto gli unicorni ed a chi lo critica rispondesse "venga con me a casa mia che glieli faccio vedere". :)

      Tutto qui.
      Poi le richieste di chiarimenti su questo studio sono aumentate, l'ho preso ed ho cercato di analizzarlo.

      Elimina
  33. Un saluto a tutti, mi concedo un paio di osservazioni che rivolgo all'autore, perché vorrei semplificare con umile atteggiamento scientifico. In primo luogo ci si chiede come mai Montanari abbia scelto proprio i vaccini ...forse un complotto contro i vaccini ? Un atteggiamento lucido scevro da tentazioni che potrei definire paracomplottiste mi suggerisce molto semplicemente che sia stata la gente a chiedere e sovvenzionare tali analisi perché interessata a comprovare un'eventuale teoria del complotto; non di certo Montanari si sarebbe potuto permettere né avrebbe avuto interesse di analizzare a sue spese una messe di fiale ad esempio di Voltaren o Plasil! Quindi complottista semmai la gente, non Montanari che si e' limitato a mio avviso a fare il suo bravo lavoro in questo caso introitando i compensi del caso, o forse in questo blog esiste qualche pio che lavora gratis ? Magari esiste! In secondo luogo, l'articolo scientifico, pur pubblicato da journal di serie Z, cosa dice di così incredibile o complottista ? Che i vaccini analizzati contenevano polveri, un fatto quasi scontato per la natura nanometrica e onnipresente dei particolati, che però non dispensa dal negarne la tossicità così come lo sforamento ormai quotidiano dei pm nelle centraline di monitoraggio dei particolati in atmosfera non dispensa dai costi in termini di eventi cardiovascolari, endocrinopatici e tumorali che ci colpiranno negli anni a venire. Proprio di recente un professore medico su radio 24 spiegava come in dieci anni di inquinamento siano addirittura cambiati i parametri di vitalità dello sperma umano e non parliamo di radio né di professore complottisti. Quindi è logico e scontato consigliare, come l'articolo fa, l'adozione di strumentazioni e procedure quanto più in grado di garantire la pulizia di un prodotto che dovrà a maggior ragione essere iniettato per via diretta parenterale. Ormai esonda la letteratura scientifica sui possibili danni da polveri, negare questo più che fare un dispetto a Montanari significherebbe insultare un intero mondo scientifico che di questo si occupa, e non mi sembra che l'autore del blog lo abbia fatto. In ultima analisi, se pur scienza di serie Z, non ho capito caro autore cosa ci sarebbe di non scientifico in questo lavoro di Montanari ? Se poi voleva essere un processo alle opinioni di Montanari ben venga, però mi sfugge l'elemento scientifico della lunga discettazione ... grazie e cordiali saluti a tutti !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse in questo blog esiste qualche pio che lavora gratis ?

      A me non interessano i motivi che hanno spinto la Gatti e suo marito a studiare proprio (e solo) i vaccini, ho semplicemente notato che davanti a migliaia di farmaci (alcuni dei quali sono davvero diffusi e continuamente somministrati), la sua attenzione si è concentrata proprio sui vaccini, sarà un interesse a furor di popolo, dovrei quindi pensare che Montanari sia sostenuto da migliaia di persone e nonostante questo non sia stato capace di realizzare un esperimento minimamente attendibile.
      Peccato.

      l'articolo scientifico, pur pubblicato da journal di serie Z, cosa dice di così incredibile o complottista?

      Esattamente quello che lei elenca dopo.
      Nessuno mette in dubbio che in una fiala (come in qualsiasi altro posto dove esista materia) siano presenti nanoparticelle (e quindi non si capisce lo stupore di Montanari e seguaci) ma casomai si dovrebbe capire il danno che esse possano causare.
      Con un po' di logica (e visto il numero esiguo trovato nei vaccini) potremmo già rispondere: probabilmente niente. Assumiamo migliaia (centinaia di migliaia, probabilmente) di nanoparticelle ogni giorno semplicemente vivendo.
      Quindi cosa voleva dimostrare Montanari? Qualsiasi cosa volesse dimostrare, in ogni caso, lo ha fatto malissimo. Esperimento pessimo, metodi pessimi, trattazione pessima (le note bibliografiche sono incredibili) ed esposizione pessima. Infine: perché Montanari mente?
      Sull'impact factor, sul prestigio della moglie, sull'EMA.

      Ecco, alla fine a me non interessa di Montanari e della moglie, loro hanno un laboratorio privato, vivono di quello e, ovviamente, cercano pubblicità, a me interessa delle persone che leggendo questo studio e non avendo i mezzi per giudicarlo, potrebbero giovarsi delle mie spiegazioni.
      Sono servite? Bene.
      Non sono servite? Pazienza.
      La Locati si beve la storia della rivista che "dirotta" lo studio? Non importa.
      Montanari mi insulta? Pazienza, dimostra il suo livello.

      Per il resto ci sono i libri: se uno pensa che Montanari abbia fatto una grande scoperta, studi, approfondisca e poi si faccia una sua idea.
      :)

      non ho capito caro autore cosa ci sarebbe di non scientifico in questo lavoro di Montanari ?

      Tutto (l'ho scritto).
      Dal metodo (uno studio non si disegna così), alla bibliografia, alle immagini, alla discussione, alle conclusioni. Per non parlare delle dichiarazioni degli autori.
      Lo studio che stiamo discutendo è un esempio di come NON si realizza uno studio scientifico. Se un'azienda farmaceutica realizzasse uno studio simile per far approvare un farmaco la chiuderebbero seduta stante.
      Saluti!

      Elimina
  34. volevo solo precisare che l'artefatto nella figura, non è una manipolazione, ma un comune effetti di carica che si ottiene quando si effettua un ingrandimento con il SEM. Certo nessuno scienziato che conosco la metterebbe in una pubblicazione, ma ne prenderebbe un altra dopo aver meglio messo a terra il campione.
    Volevo anche segnalare che il montanari viene sbufalato anche su vari siti internazionali come questo http://scienceblogs.com/insolence/2017/02/02/antivaccinationists-try-to-show-vaccines-are-dirty-but-really-show-that-they-are-amazingly-free-from-contamination/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ho parlato di artefatto, non ne conosco l'origine ma certo un'immagine scorretta come quella non la metterei in uno studio.

      Elimina
  35. Sulle cellule di Henrietta Lacks, non ditelo troppo in giro, se no i complottisti la assurgeranno a prova dell'esistenza dei Rettiliani!!! :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gira questo su FB .... troppo forte , ah ah :-)


      Troppi metalli nei VACCINI: bambino arrugginisce dopo il bagnetto !


      GENITORI attenti con i vaccini e i vs bimbi !!!!


      Tonino va sottoposto immediatamente a un trattamento di devaccinizzazione naturale, basato su cicli di clisteri di caffè e infusi di bacche di goji, intervallati da clisteri di bacche di goji e infusi di caffè.[...]


      http://www.lercio.it/troppi-metalli-nei-vaccini-bambino-arrugginisce-dopo-il-bagnetto/

      Elimina
  36. Grazie per le risposte. Questo è un articolo/studio interessante nella sua drammaticità:http://www.repubblica.it/salute/ricerca/2016/09/06/news/particelle_di_inquinamento_scoperte_nel_cervello-147262925/ Riporto il passo saliente che stigmatizza la problematica patologica legata alle polveri: "Si tratta di particolato ultrafine che viene prodotto dal traffico, soprattutto dai motori Diesel, dagli impianti di produzione di energia e dagli inceneritori - spiega Ernesto Burgio, presidente del Comitato Scientifico di Isde-l'Associazione medici per l'ambiente - .Queste particelle possono spostarsi per decine di chilometri. Sono talmente sottili da riuscire a superare tutte le barriere biologiche: la membrana nucleare, interferendo sull’espressione del DNA, la barriera emato-cerebrale, ma anche la placenta, influendo sulla programmazione genetica del feto e aprendo così la strada a disturbi del neurosviluppo, patologie di tipo immunologico e, secondo alcuni studi, anche a tumori".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'articolo di Repubblica, che farebbe sbiancare Piero Angela in quanto invece di spiegare semplicemente le cose riporta supercazzole di terzi come quella sopra citata, va letto per intero, soprattutto il paragrafo successivo che comincia con "nessuna certezza" scritto anche in grassetto e spiega semplicemente che si sta, giustamente, studiando l'inquinamento come causa di malattie neurodegenerative. Tutto qui.

      Elimina
    2. Repubblica ha avuto per 15 anni come direttore del supplemento Salute il famigerato Guglielmo Pepe, et de hoc satis...

      Elimina
    3. Si parla di inquinamento ambientale, niente a che fare con i vaccini.
      Le eventuali impurità contenute nei vaccini, e vorrei sottolineare eventuali, sono in quantita cosi ridotte rispetto a quelle a cui siamo esposti nell'ambiente in cui viviamo da esssere assolutamente ininfluenti

      Elimina
  37. Probabilmente prima di criticare o mettere in discussione studi o ricerche di qualcuno mi farei un giro su pub med. Assolvere i vaccini a priori equivale a dire il falso. Riporto solo tre ricerche, in particolare nell'ultima si evidenzia una riduzione di casi di autismo dopo la riduzione di mercurio nei vaccini. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28154539
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28059607
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28031551
    Poi vorrei chiedere conferma al dott di grazia se i pediatri percepiscano o meno un premio di 25 euro per ogni piccolo paziente vaccinato. Cosi giusto per non mettere in dubbio la professionalità dei medici. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse sarebbe meglio farsi un giro su Google translate.

      Senza entrare nel merito dei metodi usati negli studi, ecco cosa leggiamo negli abstract.

      Il primo articolo comincia con "nonostante l'associazione del vaccino MPR e i disordini dello spettro autistico sia stato smentito in maniera convincente..."
      E conclude dicendo che "non è provato un ruolo causale tra pregresse infezioni e vaccinazioni e queste condizioni. Data la modesta entità di questi reperti in contrasto con i chiari benefici sulla salute pubblica dei vaccini nel prevenire mortalità e morbidità delle malattie infettive infantili, incoraggiamo le famiglie a mantenere i programmi vaccinali".

      Il secondo articolo parla del fatto che a volte il vaccino contro l'epatite B può perdere di efficacia. Partendo dal presupposto che il vaccino per l'HBV è molto importante per la salute, vuole indagare se l'obesità è una condizione che può diminuirne l'efficacia.
      Conclude che purtroppo esiste un'associazione tra le due condizioni e ipotizza alcune ragioni, che però vanno studiate meglio per garantire una futura maggiore efficacia del vaccino.

      Il terzo studio si prefigge di verificare se è vero che esiste una associazione tra Thimerosal e rischio di autismo e conclude che vi sia un trend in tal senso data una diminuzione di quest'ultimo dopo che questa sostanza è stata rimossa dai vaccini così come raccomandato, spiega all'inizio, dall'American Academy of Pediatrics, ma ribadisce l'importanza dei programmi vaccinali nella riduzione di mortalità e morbidità delle malattie infettive.




      Elimina
    2. Va bene allora anche pub med non è affidabile e si traducono solo piccole parti di testo giusto per non dire ad esempio che nel primo studio i vaccini sono responsabili di un incremento di odc o anoressia nervosa. Se poi qualcuno mi dimostra come nel terzo studio che tolto il mercurio la percentuale degli autistici diminuisce be un dubbio viene.
      Poi sui benefici dell'immunità di massa parliamone, magari con i dati forniti dai paesi dove non viene seguito il nostro piano vaccinale e la percentuale di vaccinati come ad esempio la ''sottosviluppata'' austria si assesta intorno al 60%.

      Elimina
    3. Prendiamo il primo link, sig. Massi. Nell'abstrac - come è prassi - ciò che viene descritta nel paragrafo "Background" è solo un'ipotesi, di fronte all'osservazione, immagino, di dati correlati (e correlazione, come lei saprà, non significa causalità). Se lei prende questo brano come l'attestazione di un fenomeno verificato e di un rapporto di causa-effetto dimostrati, sbaglia.
      Tanto è vero che le conclusioni, come le ha già fatto notare la sig.ra Irene, non dicono affatto che "i vaccini sono responsabili di un incremento di odc o anoressia nervosa"; si dichiara che non ci sono evidenze del fenomeno e che sono necessari ulteriori studi, volendo indagare più a fondo.
      Stessa cosa dicasi per il background del terzo link.

      A questo punto, a proposito di dubbi, quale dubbio dovrebbe sorgerci spontaneo, a noi non addetti ai lavori (deduco che lei sia dei nostri)?
      Penso che il primo dovrebbe riguardare la comune tendenza a sottovalutare la quantità di correlazioni che si possono trovare accostando un qualsivoglia tipo di dati.
      Lo so che la parte più atavica del nostro cervello ci fa pensare a un predatore, se sentiamo muoversi un cespuglio (come biasimarci? è per questo che siamo ancora qui). Tuttavia, in certi frangenti è necessario mantenere il sangue freddo, e non saltare subito alle conclusioni; altrimenti si finisce davvero per credere che l'innalzamento delle temperature del pianeta sia causato dalla diminuzione del numero dei pirati.

      Elimina
    4. nel terzo studio che tolto il mercurio la percentuale degli autistici diminuisce be un dubbio viene.

      Sugli studi le hanno già risposto altri e le posso confermare che, nonostante l'assenza di Thimerosal nei vaccini, la percentuale di diagnosi di autismo è cresciuta come previsto. Attenzione, cresce la percentuale di DIAGNOSI, perché l'incidenza è praticamente la stessa. Se si esaminano anni nei quali non sono cambiati i criteri di diagnosi si vedrà che non vi è alcun aumento ed inoltre i casi di autismo sono simili nelle varie classi di età (non aumenta l'incidenza). Questo dimostra ulteriormente che l'autismo non ha un aumento impressionante come qualcuno ipotizza.

      vorrei chiedere conferma al dott di grazia se i pediatri percepiscano o meno un premio di 25 euro per ogni piccolo paziente vaccinato.

      Dipende dalle varie aziende. Sono i budget di risultato che qualsiasi azienda (pubblica o privata) crea ogni anno. Secondo le proprie attività ve ne sarà uno, per esempio per un reparto di ortopedia il budget con il premio di produzione sarà legato ai giorni di recupero da una frattura, per un reparto di ostetricia (nel mio da tre anni è così) sarà legato al numero di tagli cesarei (meno se ne fanno meglio è), per i pediatri sarà il numero di vaccinati nella propria zona e così via.
      Solo una persona negativa ed asociale può pensare che ci sia un complotto che paghi i medici per vaccinare, esattamente come solo un folle potrebbe pensare che noi ginecologi siamo pagati (25 euro, pensa un po') per fare più cesarei.

      Elimina
    5. Vorrei aggiungere che a volte, controllare gli autori degli studi ci può dare un'idea sulla loro buonafede.
      I Geier che si leggono in quegli studi sono noti ciarlatani americani. Per loro l'autismo si curerebbe con la castrazione chimica (usano il Lupron) e Mark, il padre, è stato radiato dalla professione medica per questo.
      Approfondire e ragionare sugli studi di due ciarlatani, per me, è una perdita di tempo.

      Elimina
    6. "Solo una persona negativa ed asociale può pensare che ci sia un complotto che paghi i medici per vaccinare"

      Non sarei così duro col sig. Massi. Penso che volesse dire che il fatto di avere una "rendita" da una certa attività può creare un bias di giudizio su di essa. Evenienza che non si può escludere in assoluto, parlando in termini generali.
      Figuriamoci, c'è persino qualche impiegato pubblico convintissimo di essere utile e di meritarsi lo stipendio (boooni, mi riferisco a casi specifici, mica a tutti i dipendenti dello Stato indistintamente).

      Elimina
    7. Ma io non mi riferisco al sig. Massi ma a tutta una fetta dell'opinione pubblica che vorrebbe i medici come corrotti esecutori di ordini, piegati su una scrivania a dispensare veleni e vaccini pericolosi. Questa è una paranoia. E la storia dei "pediatri pagati per vaccinare" fa parte di questo filone. Io sono "pagato per fare partorire" o "pagato per diminuire i tagli cesarei", queste sono distorsioni della realtà perché TUTTI siamo (se lavoriamo) pagati per fare qualcosa, anche i panettiere.
      Se si ragiona così non solo si commette un errore ma poi nascono contraddizioni come quella che mi vuole contemporaneamente "pagato per fare avere figli" (sono un ostetrico, quindi avrei interesse che le donne partorissero) e "pagato per non avere figli" (sono ginecologo e quindi ho interessi nella prescrizione di pillole contraccettive).
      Questo insomma è complottismo spicciolo.

      Elimina
    8. Beh, il sig. Massi un po' paranoico mi è sembrato. Ma sottolineo che questo è esclusivamente il mio sentire.

      Elimina
  38. Questo studio sul rischio crescente di autismo con l'esposizione delle madri ai pm 2.5 è stato realizzato dal Mascetti in persona ...ricordo che in in medicina si ragiona in termini di rischio, raramente di certezze ...https://ehp.niehs.nih.gov/1408133/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui si parla di inquinamento ambientale, i vaccini non vengono nemmeno considerati.
      Ma non si stanca di fare figure barbine?

      Elimina
    2. Mi scusi ma secondo lei Montanari è un fine immunologo che sostiene la natura autoimmune dell'ipotetico autismo da vaccini? O pare invece sostenere, sempre secondo lei, nel famoso articolo pseudoscientifico di cui sopra che i vaccini sarebbero inquinati e quindi potenzialmente neurotossici ? Se a suo avviso il concetto di inquinamento da particolato ultrafine è totalmente estraneo all'impianto concettuale di questa trattazione da esporre chi ne parla addirittura a figure barbine allora non sarebbe stato forse giusto da parte sua suggerire all'autore di questo blog di serrare anzitempo il dibattito ed aprirne uno nuovo sui possibili danni immunomediati da vaccini di cui Montanari apprendo ora sarebbe esperto ? Considerato che se ipotizziamo un danno da farmaco a grandi linee l'eziopatogenesi può avere natura tossica o immunomediata, in questo caso secondo lei avremmo dovuto discutere non di inquinamento ma di immunologia clinica ?...o forse non avremmo proprio dovuto discutere per compiacerla ..?

      Elimina
  39. "Solo una persona negativa ed asociale può pensare che ci sia un complotto che paghi i medici per vaccinare"
    Negativa e asociale??
    Certo i 25 euro sono solo una piccola goccia però moltiplicata per il proprio numero di pazienti... inoltre il bonus , a favore, per i tagli cesareo, mi corregga se sbaglio, è stato tolto solo nel 2016 proprio perché in italia se ne abusava.
    Non voglio mettere in dubbio la sua integrità morale dott. Di Grazia, non mi permetterei.
    Certo che alcune denunce perpetrate nei confronti di medici negli ultimi anni fanno capire che di fronte ai soldi tutto passa purtroppo in secondo piano.
    Non potrà certamente obiettare che un buon numero di medici in Italia ha delle denunce a proprio carico. Solo per ricordare qualche caso mi viene in mente il caso di medici che hanno prescritto ormoni a bambini senza alcuna necessità terapeutica, oppure i pediatri che consigliavano il latte in polvere all'allattamento, o i medici che falsificavano le cartelle mediche per diagnosticare i tumori o l'intero reparto che gareggiava sulla lunghezza degli aghi da utilizzare sui propri pazienti... e si potrebbe andare ancora avanti.
    Permette che qualche dubbio rimane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che lei non ne senta - e non ne abbia - il bisogno, sig. Massi, ma dico comunque che qui non posso più spezzare lance a suo favore.

      Elimina
    2. Sig. Marcoz, la ringrazio ma ho solo avanzato alcune perplessità, poi se per poter esprimere opinioni in questo blog occorre pensarla solo in un certo modo allora ho sbagliato ad intervenire.
      Comunque ciò che ho elencato nel precedente post sono (alcuni dei tanti) fatti di cronaca e non certamente invenzioni.
      Ovviamente mai generalizzare e ci mancherebbe.
      Buona giornata

      Elimina
    3. inoltre il bonus , a favore, per i tagli cesareo, mi corregga se sbaglio, è stato tolto solo nel 2016 proprio perché in italia se ne abusava.

      Non era "a favore", era per diminuirli e non è un bonus è un "premio di risultato" che un'azienda può decidere, come ne decide centinaia diversi.

      Certo che alcune denunce perpetrate nei confronti di medici negli ultimi anni fanno capire che di fronte ai soldi tutto passa purtroppo in secondo piano.

      Immagino che la stessa cosa penserà dei magistrati, dei poliziotti, forze dell'ordine, dei giornalisti, degli ingegneri, dei politici, degli avvocati...lei che lavoro fa, massi?

      Permette che qualche dubbio rimane.

      Lei può avere tutti i dubbi che vuole, però prima di trasformarli in certezza si assicuri di averne le prove e di non seguire le sirene di cialtroni che vogliono solo confonderla.

      Saluti.

      Elimina
    4. Credo che ci accomuni tutti la convinzione che in ogni definibile categoria di persone ci sia un tasso fisiologico di individui degni di biasimo.
      Tuttavia, mi sfugge il nesso con il discorso generale, a meno che non si tratti del solito generico "trust no one" (detto tra noi, sono certo che ci siano studi all'apparenza impeccabili che sono stati manipolati per qualche interesse particolare, però non ho la tendenza a vederne ovunque. In fondo si ha a che fare con essere umani come lei e me).

      Poi, la diversità di opinione non credo sia un problema - in particolare per il padrone di casa -, casomai sono le opinioni non supportate da elementi che abbiano un minimo di solidità e che non siano solo congetture elevate a… dubbi (si legga certezza).

      Elimina
    5. [Scusate le ripetizioni, ma non avevo ancora visto il commento precedente, quando ho inserito il mio]

      Elimina
  40. "un buon numero di medici in Italia ha delle denunce a proprio carico".

    Qui credo si debbano fare due riflessioni.

    La prima è che tutti quelli che hanno a che fare con altra gente, prima o poi, la scontentano e rimediano una denuncia. Preti, poliziotti, avvocati, idraulici, baristi, commercialisti, carrozzieri, pompieri. Più gente uno incontra, e più ci interagisce, e più questo si verifica.

    Quindi, dire "molti medici hanno denunce", a parte non essere vero, non significa neanche niente; è come dire che molti medici hanno un'automobile.

    La seconda riflessione è questa: poniamo il caso che l'avere denunce sia significativo di qualche cosa, il che non è.

    Ma, e poi? E allora? Siccome molti pompieri hanno denunce a proprio carico, se mi cade per sbaglio un fiammifero acceso sul tappeto, per spegnerlo anziché usare l'acqua dovrei magari usare l'alcool o la benzina?

    RispondiElimina
  41. Sig. Serni, se dice che molti medici non hanno denunce a proprio carico le dico subito che sta commettendo un errore. Per i fatti che ho elencato io , aghi a parte dove è stato incredibilmente rimosso il primario, i medici sono stati condannati. Poi che in Italia il malcostume sia un male generalizzato purtroppo lo sappiamo tutti. Credo che come dice il dott. Di Grazia evidentemente siamo un pò confusi e lo invidio perché evidentemente crede ciecamente in ciò che dice e fa. Personalmente rifiuto la cieca obbedienza e mi spaventa chi crede di conoscere la verità assoluta. Molte volte la verità è solo quello che in realtà noi riteniamo più giusto e facile da credere o magari quello che gli altri vogliono farci credere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardi, mi va benissimo: molti medici hanno denunce a proprio carico.

      Anzi: diamo per una volta dei numeri precisi e non aneddoti. Diciamo che i denunciati sono molti virgola parecchi tanti, con una precisione stimata intorno all'abbastanza per cento [senza fonte].

      Ma - come dicevo - questo è normale per chi ha a che fare con persone spesso in difficoltà (i malati, me lo riconoscerà, sono in media meno sani dei non malati), dunque comprensibilmente sotto stress, e deve interagire con queste persone in modo spesso invasivo.

      Lo stesso succede ai poliziotti, agli avvocati, ai commercialisti, e così via. Chi è che NON rischia di essere denunciato da un "cliente" insoddisfatto? Non si dice forse popolarmente che "solo chi non fa, non falla"?

      E questo non "in Italia", eh, ma "nel mondo". Non è un problema di malcostume locale: è proprio che gli esseri umani sono fatti in questo modo.

      Di chi potremmo "fidarci" adottando il criterio delle "molte denunce"? Forse soltanto degli impresari di pompe funebri.

      Ma andiamo avanti. Ammettiamo pure che "molti" medici siano stati denunciati... così come già avviene per il 100% dei ciarlatani. Alcuni poi hanno un interesse economico nel lavorare in un certo modo (anche questo, curiosamente, è caratteristico del 100% dei ciarlatani).

      L'alternativa, qual è? C'è?

      C'è una opzione migliore di quella che ha dimostrato, finora, non certo di essere perfetta - ma di essere quella con i risultati più utili alla collettività?

      Perché se non c'è, di cosa stiamo discutendo esattamente? Che i medici possano sbagliare, che chi sbaglia deve pagare e chi è vittima di un danno vada indennizzato, che morire sia spiacevole e che la medicina non sia perfetta e possa progredire ancora, su tutte queste cose credo ci sia un totale accordo (o no?).

      Elimina
  42. dite:

    Repubblica ha avuto per 15 anni come direttore del supplemento Salute il famigerato Guglielmo Pepe

    FAMIGERATO per cosa ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la sua arroganza con cui non solo sostiene l'omeopatia, ma si e' sistemato dalla parte sbagliata in vari casi, a partire da Di Bella ed, evidentemente senza aver imparato nulla, in quello Vannoni.
      Clamorosa poi la risposta che diede una volta nel suo blog, quando gli contestarono (giustamente) che stava dicendo corbellerie perche' non aveva preparazione in materia (e' un giornalista, nessun titolo in medicina ne' biologia): "in tutti questi anni ho ospitato tanti premi Nobel nella mia rivista, certamente ho imparato tanto!". Renato Brunetta ha fatto scuola.

      Elimina
  43. Comunque tutto e' raccapricciante, dipende da come la metti. Se ti invitassero a cena dicendoti che mangerai piante secche triturate e poi bollite (pasta), cadavere di roditore carbonizzato sul fuoco (coniglio alla griglia) e roba cosi' andresti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eventualmente sarà una CARCASSA di roditore,e se è carbonizzata allora il cuoco è un incapace. Sorvolando che la griglia non è esattamente la cottura più adatta e più frequente per il coniglio... ;-)

      Elimina
    2. Spero qualcuno vada al cinema a vedere il nuovo film francese "150 milligrammi" basato sulla storia di Irène Frachon che ha avuto il coraggio di scontrarsi contro un colosso farmaceutico.
      Poi sarebbe bello confrontarsi ;-)

      Elimina
    3. @Ziocunel
      ti ci vuole un coniglio disossato, marinalo per tutta la notte in olio e limone (dev'essere completamente coperto) e rosmarino se ti va . Poi lo puoi fare alla brace.
      Poi ovvio l'umido con le olive taggiasche e' la morte sua...

      Elimina
  44. Una pneumologa dell'ospedale universitario di Brest scopre un legame fra l'assunzione del farmaco Mediator e il decesso di alcuni suoi pazienti. Dopo aver sottoposto la possibilità di una correlazione di causa-effetto al gruppo di ricerca farmacologico della struttura, decide insieme a loro di chiedere all'Agenzia Francese del Farmaco di ritirarlo dal mercato, dove è venduto da una trentina d'anni. Ha inizio una guerra sproporzionata fra il piccolo team bretone, il Ministero della Salute e soprattutto il colosso farmaceutico che lo commercializza. Film ispirato ai fatti vissuti dalla dottoressa Irene Frachon tra il 2009 e 2010.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Replicava a me, sig. Massi?
      Se sì, posso dire che conoscevo la vicenda e che l'oggetto della discussione che essa dovrebbe ispirare mi rimane oscuro.
      Oddio, una mezza idea ce l'ho, ma è piuttosto banale. Insomma, una di quelle idee che, se lei è una persona solita andare a mangiare fuori, mi spingerebbe a suggerirle di guardare i risultati che dà un motore di ricerca usando - che so - i termini "ristorante" e "nas".

      Elimina
    2. Se vado a mangiare fuori vado sul sicuro . Ci tengo alla salute. Sushi o cinese 😉

      Elimina
    3. ma leggete solo le cose tra di voi ??? boh...


      questa cosa del nuovo film francese "150 milligrammi" basato sulla storia di Irène Frachon

      l'avevo gia segnalata 10 o 15 post fa' , boh !

      Elimina
    4. "ma leggete solo le cose tra di voi ??? boh..."

      Perché usa il plurale?

      Succede anche a un commentatore attento (uno che legge con attenzione il pregresso prima di scrivere) di perdere qualcosa, in presenza di molti interventi.
      In ogni caso, sono certo che il sig. Massi non aveva intenzione di privarla del suo indiscutibile primato.

      Elimina
  45. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho visto in forward su it.discussioni.misteri e mi pare di aver risposto là. Anzi, se qualcuno controlla i miei calcoli mi fa un favore.

      Una cosa di cui sono abbastanza sicuro è che quando calcola l'alluminio che ti entra in corpo con un vaccino, fa conto che la siringa usata sia di quelle da un litro (ci sono, 945 ug di alluminio in una dose?), e che i neonati vengano vaccinati almeno una volta la settimana.

      Elimina
    2. "Marcoz c'e per caso da ridere ? mah !"

      Ammettiamo per un attimo che il mio scopo fosse esclusivamente quello di stimolare il riso, sarebbe comunque arduo distinguere il mio commento dal suo - a cui mi riferivo - sulla base dell'utilità, del contributo alla discussione.

      Elimina
    3. No, seguo solo it.fisica, aspettando che qualcuno inventi la macchina per il moto perpetuo :)

      Elimina
  46. Curiosità da non-tecnico: nella riga "goccia di Gardasil" l'immagine mostra la spettroscopia della sostanza fotografata: il termine "basso vuoto atmosferico" vuol dire che è stato fatto evaporare il vaccino (ed è per questo che non c'è l'idrogeno)?
    Scusa una domanda da imbranato,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il vaccino evapora, è scritto anche all'inizio della ricerca.

      Elimina
    2. "low vacuum" e' la metodologia utilizzata per l'osservazione al microscopio e non indica come e' stata fatta evaporare l'acqua dal vaccino. Si potrebbe lavorare in alto vuoto (il metodo migliore per vedere la morfologia cioe' forme e dimensioni) ma sarebbe necessario metallizzare il campione oppure in ESEM che e' il metodo piu' adatto per liquidi e campioni biologici; gli autori in passato affermavano di lavorare con tale metodo ma non era vero.

      L'Idrogeno non puo' essere rivelato con questa tecnica.

      Per chi ha basi di chimica e di microscopia elettronica, l'articolo, come ben dice il dr Di Grazia e' scientificamente molto lacunoso. ad esempio
      "When the water and saline the vaccine contains are evaporated, the biological/physical components emerge on the filter and it is then possible to observe them. This type of microscope (low-vacuum observations) prevents the possible sample contamination and the creation of artefacts." tradotto e riassunto
      Dopo l'evaporazione dell'acqua sul filtro emergono i componenti biologici/fisici ed e' possibile osservarli. Questo tipo di microscopio (a basso vuoto) previene contaminazioni e creazione di artefatti.
      solo su queste 3 righe ci sono questi punti criticabili
      1) cosa sono i componenti "fisici"? le particelle che loro dichiarano essere inorganiche? Termine scientificamente scorretto; inoltre, loro non dovrebbero essere interessati ai precipitati che derivano dai sali (cloruro di Sodio e sali di Alluminio) dichiarati dai produttori ma alle perticelle che erano gia' solide in origine quindi in pratica dovevano eliminare la soluzione e guardare cosa rimaneva sul filtro. Infine, l'analisi EDS ossia la microanalisi a raggi X che genera gli spettri, ad esempio la figura 1b, e' un'analisi che consente di dire quali elementi ci sono e non in quali composti e' contenuto l'elemento; giusto per fare un esempio con questa analisi si vedrebbe Ferro sia in un chiodo che in una goccia di sangue che contiene Ferro come emoglobina.
      2) in quali condizioni e' avvenuta l'evaporazione? dovrebbe almeno specificare a quale temperatura e per quanto tempo. Dall'immagine in figura 1a che si riferisce al Gardasil, si puo' dedurre che la cristallizzazine e' avvenuta lentamente perche' c'e' una crescita molto regolare quindi probabilmente a temperatura ambiente; per gli altri campioni?
      continua

      Elimina
    3. 3) lo spettro della figura 1b (sempre gardasil)si riferisce a tutta l'area della figura 1a o a una zona che comunque doveva essere identificata con una freccia? Se si riferisce all'intera area (visto che la freccia non c'e'), e' alquanto strano che ci sia un contenuto cosi' basso di Carbonio (C) perche' i cristalli sono su un filtro di cellulosa che e' costituito da Carbonio e Ossigeno (C e O)
      4) nell'articolo si dichiara l'uso di filtri di cellulosa da 25 mm (Millipore) ma non viene specificata la dimensione dei pori. Questo dato e' importante perche'tutte le particelle (che il dott. Montanari dichiara come presenti gia' allo stato solido e quindi non precipitati dopo l'evaporazine dell'acqua)che hanno dimensioni inferiori al diametro dei pori passerebbero il filtro e non sarebbero visibili con il SEM (microscopio elettronico a scansione). Se si va su https://www.merckmillipore.com/IT/it/product/Filtri-a-membrana-MF-Millipore,-esteri-misti-di-cellulosa,-privi-di-Triton,-idrofili,-1,2%C2%A0%C2%B5m,-293%C2%A0mm,MM_NF-RATF29325 e sul search si scrive 'filtri cellulosa 25 mm" se ne trovano 47 che differiscono nel formato e cio' che piu' interessa nella dimensione dei pori (vedi sopra); inoltre nella seconda pagina c'e' una serie di filtri con immagini al microscopio elettronico che non somigliano ad alcuna delle immagini riportate nell'articolo, sicuro che i vaccini siano stati deposti su filtro di cellulosa?
      5) "This type of microscope.." il microscopio e' sempre lo stesso quelle che cambiano sono le condizioni di osservazione che come su detto sono alto vuoto, basso vuoto (quella utilizzata nel lavoro) ed ESEM (Environmental Scanning Electron Microscopy); a questo proposito in precedente articolo dove dichiaravano di utilizzare l'ESEM affermavano di lavorare "a pressione ambiente"! un errore madornale che rivela la non conoscenza della tecnica! (non scendo in dettagli per non creare confusione.
      5) "evita contaminazione e creazione di artefatti" probabilmente vuole dire che non necessita di metallizzazione come nel caso dell'alto vuoto, ma parlare di "contaminazione" e "artefatti" non e' proprio corretto; di solito si metallizza con Oro o Carbone ed in quel caso e' ovvio che si trovino questi elementi nello spettro ma se non si deve cercare Oro o Carbonio qual'e' il problema, la loro presenza nello spettro non si considera.
      Non so se quanto detto risulta chiaro o oscuro, spero nella prima ipotesi e posso rispondere a richieste di chiarimenti

      Elimina
  47. quindi domani 23 esce il nuovo libro del di grazia ?

    possibile sapere i vari ARGOMENTI trattati nel libro?


    ma invece per il discorso sempre trattato dai 2 coniugi sulle polveri
    sottili e malanni vari ?

    vero quello che dicono sulle PM 2,5 MOLTO piu dannose delle famose PM10 e 5 ???

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. possibile sapere i vari ARGOMENTI trattati nel libro?

      Sì. All'inizio c'è l'indice.

      Elimina
  48. IW2BSF Rudy

    Ho cancellato il tuo commento, per favore, leggi il regolamento di questo blog. Vedere qui il link ad un sito di ciarlatani con tanto di mail per accalappiare vittime non mi fa piacere. Cerca di evitarlo, grazie.

    Per quanto riguarda le "risposte" di Franco Franchi, ovviamente, se le canta e se le suona da solo, uno che fa il mio stesso lavoro ma nega l'esistenza dell'AIDS non merita alcuna considerazione, prima ripassi un po' di pagine di medicina e poi ne riparliamo.
    Grazie per la comprensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 33 anni di ricerca, trials clinici come se piovesse, 20 miliardi di dolori, tra fondi pubblici e privati, spesi a livello globale, ripetuti ed ottimistici annunci di previsioni poi puntualmente disattese.
      Un vaccino efficace per l'AIDS sarà - forse - disponibile fra 15 anni… Se andiamo avanti di questo passo, a botte di oltre 800 milioni di dollari l'anno, dove andremo mai a parare?
      Pur non avendo avuto l'opportunità di studiare testi di medicina, mi ritengo una persona sufficientemente pragmatica per dubitare che nel modello scientifico che sta alla base delle nostre conoscenze sul rapporto HIV/AIDS possano esserci non poche note stonate.

      Elimina
    2. mi ritengo una persona sufficientemente pragmatica per dubitare che nel modello scientifico che sta alla base delle nostre conoscenze sul rapporto HIV/AIDS possano esserci non poche note stonate.

      La stessa cosa dice un mio amico che non sa distinguere Beethoven da Jovanotti. :)
      Oltre al fatto che non si capisce perché il fatto che non si trovi un vaccino possa far dubitare sul rapporto HIV/AIDS (se fossi così banale il legame dubiteremmo della malaria) e che questo dimostra che è evidente tu non sia competente sul tema, se pensi ci siano "note stonate", cercale, mostrale, dimostrale. Il resto sono chiacchiere, le stesse che potrei fare io dicendo "non ho avuto l'opportunità di studiare ingegneria aeronautica ma sul fatto che delle scatole di metallo con le ali, pesanti diverse tonnellate, possano volare, ci sono evidenti note stonate".
      :)
      C'è un detto famoso che riassumo e trasformo: "Hanno riso di Cristoforo Colombo e Galileo ma anche di Crozza e dei clown". Quindi uno deve semplicemente dimostrare di essere Galileo, altrimenti resta un clown.

      Elimina
  49. all'inizio ma dove ?

    GRAZIE per aver rimosso il mio commento ! lungi da me spnsorizzare certi siti !!


    avete visto ieri sera alle IENE la Gatti ? ma quindi e' in una commissione ministeriale ?

    saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che puntata de Le Iene sarebbe? Non mi risulta nulla dal sito web della trasmissione.

      Elimina
    2. ??? l'avevo messa il 23 quindi presumo puntata del 22 febbraio !

      Elimina
  50. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  51. Montanari è spesso ospite a radio studio54, una radio Fiorentina.. Ormai invita apertamente i genitori a non far vaccinare i figli, oltre a schierarsi un pó meno apertamente contro chemioterapia e altro. Secondo me sta diventando 'pericoloso'.
    Se le interessa puó ritrovare delle puntate online o tramite podcast

    RispondiElimina
  52. Potrebbe commentare riga per riga anche questo, grazie:
    https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it/aifa/servlet/PdfDownloadServlet?pdfFileName=footer_000200_038200_FI.pdf&retry=0&sys=m0b1l3

    RispondiElimina
  53. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  54. Buongiorno, ma l'affermazione 'siamo sempre più sani' su quali evidenze scientifiche si fonda? Quali sono i KPI analizzati? Relativamente a quali periodi storici?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'affermazione 'siamo sempre più sani' su quali evidenze scientifiche si fonda?

      Non si basa su evidenze scientifiche ma statistiche, sociali e sociologiche. Aspettativa di vita, vita media, speranza di vita, sono sempre e costantemente in aumento.

      https://www.google.it/webhp?sourceid=chrome-instant&ion=1&espv=2&ie=UTF-8#q=italia+speranza+di+vita&stick=H4sIAAAAAAAAAOPgUeLQz9U3MC7KytLSz0620s_JT04syczP0y8uAdLFJZnJiTnxRanpQCGrnMy01PjUioLU5JLEvOTKLkZrLrhuIbJ1m-VmU6Db2MQ0g2TdAIN3rDn3AAAA

      Elimina
    2. Ottimo, ma allora sarebbe necessario considerare le statistiche 'corrette' (indicatori appropriati), altrimenti il discorso diventa arbitrario (con un retrogusto di mistificatorio). Nella mia deformazione professionale da ingegnere tenderei a pensare che considerare l'Aspettativa di vita SANA (Health Expectancy) sia molto più appropriato, rispetto alla questione da me sollevata, che verificare la Life expectancy.
      Se ha tempo, può provare a divertirsi con questo sito: http://ec.europa.eu/health/indicators/indicators_en
      Ahimè l'Italia non ne esce proprio bene..

      D'altra parte seguendo la sua logica, accanendosi terapeuticamente, mantenendo farmacologicamente in vita, i 24mln e passa di malati cronici italici, non basterebbe più il grassetto per risaltare il suo barbarico YAWP 'siamo sempre più sani'.
      Questione di logica (mi vengono i brividi)

      ps. notizia di questi ultimi tempi è che anche l’aspettativa di vita nell’ultimo rapporto ISTAT ha iniziato, anche se impercettibilmente, a calare.

      Elimina
    3. allora sarebbe necessario considerare le statistiche 'corrette' (indicatori appropriati), altrimenti il discorso diventa arbitrario

      Certo, infatti può consultare qualsiasi statistica, vedrà come gli indici di salute e sopravvivenza siano (di nuovo), in aumento provi a paragonare qualsiasi indice di benessere tra il 1800 ed oggi o tra il 1970 (più o meno quando nacqui) ed oggi.

      D'altra parte seguendo la sua logica, accanendosi terapeuticamente, mantenendo farmacologicamente in vita

      C'è sempre la possibilità di non prendere farmaci o decidere di non sottoporsi a nessun trattamento. Nessuno è obbligato ed oggi persino l'eutanasia, volendo, si può praticare con sufficiente facilità.

      Elimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!